Translate

martedì 14 agosto 2018

Per amore di un corsaro di Mirta Drake

Oggi parliamo di Per amore di un corsaro di Mirta Drake.
Autrice di cui non avevo letto nulla e che invece è da tenere d'occhio, perché scrive, non solo bene, ma in modo piacevole.



Ecco a voi la trama:


Morgan Queen è un pirata che sparge terrore nei mari delle Bahamas. Ma pochi conoscono il suo segreto: è una donna! Quando si scontra con William Spencer, corsaro al soldo della Marina inglese, fra lei e il suo affascinante nemico si scatena un'indomabile attrazione. Morgan, alla ricerca di un fantomatico galeone spagnolo pieno d'oro, comincia a destreggiarsi fra schermaglie e baci rubati e, senza quasi accorgersene, cede alle lusinghe dell'amore mettendo in forse la sua intera esistenza. Nel cuore, però, rimane un pirata, e un pirata ha sempre un'arma di riserva...

Romanzo scorrevole, avventuroso, divertente e romantico. Non manca nessun elemento e tutto è ben equilibrato.
Mi è veramente piaciuta questa storia, con Morgan risparmiata da una sorte tragica grazie all'intervento tempestivo di un pirata dal cuore buono, che la crescerà come se fosse suo figlio, prendendosene cura, fino a quando non sarà grande e capace di guidare una sua nave.
A complicargli la vita, inevitabilmente, arriverà l'elegante William Spencer che le ricorderà che sotto gli abiti da maschio c'è una donna che lo fronteggia alla pari e questa cosa gli piace e ci piace!
Non vi rivelerò nulla della storia, perché dovete apprezzarla pagina dopo pagina, tra combattimenti, assalti e batticuori.
Una lettura fresca, rilassante e ben strutturata.

Un commento a parte merita il finale, per niente scontato...
Lo sapete, sono in una fase di noia, dove i romanzi rosa mi appaiono un po' tutti uguali e questo mi dispiace, perché mi priva in parte del piacere della lettura, ma questo libro mi ha portato una boccata di aria fresca e dunque ve lo consiglio senza remore.


Voto: ♥♥♥♥♥

domenica 12 agosto 2018

TUTTO IN UNA SOLA NOTTE di Kylie Scott

Confesso che dopo la lettura del primo volume di Love, UN NUOVO DESTINO di L.A. Casey ero presa da un lieve senso di nausea al pensiero di dover leggere un altro "romance" che si potesse rivelare assolutamente sconclusionato e scritto malissimo, tanto che stavo cominciando a vagliare l'ipotesi di buttarsi su di un classico, uno di quei mattoni che spaventano i più, e che in alcuni momenti della mia vita mi sono venuti in contro per salvarmi dalla noia mortale di altri tipi di racconti.

Poi mi sono detta che non era giusto e che non tutte le autrici di romance sono assolutamente prive di talento, che ho letto cose decisamente dignitose, altre appassionanti, e quindi ho vinto il timore e ho deciso di leggere TUTTO IN UN SOLA NOTTE di Kylie Scott, che ho comprato sempre in edizione pacchetto, ovvero con tre volumi in uno.


Le vicende ruotano intorno ad un gruppo musicale, i Stage Dive, amatissimi dal pubblico, chiacchieratissimi, sempre sulle prime pagine delle riviste per il loro talento, ma soprattutto per i loro eccessi. Una mattina, a Las Vegas, la giovanissima Evelyn Thomas, si risveglia confusa e con un forte senso di nausea. Aveva programmato di festeggiare il suo ventunesimo compleanno con un viaggio insieme alla sua amica a Las Vegas, dove rimorchiare finalmente qualcuno, e scrollarsi di dosso il ricordo di una passata esperienza, assolutamente negativa, sul sesso. 


Quando però Evelyn riapre gli occhi, scopre di non essere sola, ma di avere un anello vistosissimo al dito, un tatuaggio con il nome David fresco di ago, sul sedere, e di essersi sposata, senza neanche ricordarselo, con il batterista e autore degli Stage Dive.


Sconvolta la ragazza cerca di ritornare alla sua vita, in un primo momento, convinta di poterlo fare, ma la stampa la perseguita, la sua faccia compare su ogni rivista, e David la fa chiamare nella sua villa per proporle un accordo per il divorzio. Peccato che lei non sia per niente interessata ai suoi soldi e David sia davvero interessato a lei, tanto che i due, dopo un primo scontro, decidono di conoscersi davvero per capire se si è trattata solo di una follia di una notte, o qualcosa che potrebbe davvero funzionare.


Il contesto degli Stage Dive, con i diversi membri piuttosto eccentrici o problematici, tra cui spicca la star e voce del gruppo, ovvero Jimmy, il fratello di David, alcolizzato e con problemi di droga, esasperato da un rapporto materno malato, che sembra però avviarsi verso una soluzione verso la fine del libro.


Libro carino, sicuramente scritto meglio rispetto a quello della Casey, anche se sicuramente non un capolavoro. La parte di conoscenza tra i due finisce per scivolare facilmente nella noia e tradursi nella solita storia senza spessore né messaggio, che è tipica di molti di questi romanzi, ma sicuramente la Scott conosce il suo mestiere, si sforza per creare un libro con una trama vagamente realistica e gli eventi scorrono lineari. 


Resta un vago interesse per Mal e Jimmy, a cui sono dedicati i libri successivi, e a cui si può arrivare senza rabbrividire. Cercherò di recuperarli.

domenica 5 agosto 2018

LOVE UN NUOVO DESTINO di L.A. Casey



Il mio incontro con questo romanzo è stato piuttosto travagliato e alla fine mi ha indotto a meditare su tutta la categoria del genere romance, cosa che di solito non faccio mai, perché sono assolutamente convinta che ogni genere ha una sua dignità ed esempi di libri scritti con arte in mezzo a un mare di mediocrità. 


Eppure imbattendomi in certe lodi sperticate di un volume come questo, mi sono chiesta anche come sia possibile essere completamente accecati dal proprio gusto personale al punto da non capire la differenza tra scrivere e fantasticare nella propria cameretta. Certo, il lettore deve essere coltivato e abituato a non limitare le sue letture solo ad un certo tipo di storie, ma i gusti sono gusti e sono la prima a dire che nessuno si può permettere di giudicare. Una componente fondamentale del romance è l'intrattenimento, eppure scrivere è un arte che presenta delle regole precise e la Casey sembra completamente a digiuno di qualsiasi base.


La storia, sintetizzandola, è quella di Bronagh, studentessa chiusa e riservata, che, dopo la morte dei genitori, vive con la sorella e cerca di tenere lontano tutte le persone che vogliono avvicinarla. La sua esistenza subisce una svolta quando a scuola arrivano due gemelli, Dominic e Damien, americani, bellissimi, ma allo stesso tempo pericolosi. In modo particolare Dominic finisce per sviluppare un interesse morboso ed insistente nei confronti di Bronagh. I due si odiano e non perdono occasione per provocarsi e picchiarsi davanti a tutti gli studenti. Eppure, pian piano, la continua interazione con Dominic, induce Bronagh ad aprirsi nei confronti del mondo esterno e a uscire dal guscio nel quale si è nascosta per proteggersi. Peccato che Dominic non sia un semplice studente americano in trasferta, ma la sua vita nasconda molti segreti.


Messa così, la trama presenta degli elementi interessanti, ma è la sua elaborazione che mostra pecche continue, frutto di una penna decisamente debole, incapace di dare sostanza ad un contenuto simile. Dialoghi surreali, che sembrano frutto di personaggi decerebrati senza un minimo di capacità psicologia o emotiva, basti pensare all'assurdo personaggio della sorella, che dovrebbe essere la tutrice di Bronagh, ma che non si preoccupa minimamente che la sorella venga coinvolta nelle trame di una famiglia pericolosa, purché finalmente "la dia" a qualcuno.


Le descrizioni sono assenti. Sembra quasi di muoversi senza vedere i posti, le persone che ci troviamo davanti. Siamo in Irlanda, ma si è talmente vaghi che potrebbe essere qualsiasi altro posto, tranne per qualche riferimento alla pronuncia della protagonista. 


I colpi di scena sembrano frutto della mente di una tredicenne in piena crisi ormonale, che crede di poter parlare di malavita, narcotraffico, dopo aver seguito distrattamente un servizio del telegiornale, senza capire che cosa significa davvero un sistema gerarchico in un'organizzazione criminale, dal quale non si esce che in un solo modo.


E se tutta la svolta d'azione è assolutamente ridicola (e lo dico da lettrice che adora i romanzi suspense che sanno combinare amore, sesso e azione e di cui Pamela Clare è un Must), l'amore viene presentato in modo ancora più ridicolo. L'ossessione di Dominic nei confronti di Bronagh è quasi maniacale, da troglodita uscito dalla caverna emettendo grugniti e incapace di esprimere a parole o nei fatti un sentimento profondo e vero. 


Se un merito devo per forza trovarlo, anche per convincere me stessa a proseguire, prima o poi,  la lettura degli altri due romanzi, avendo, sfortunatamente comprato una raccolta di tre volumi in uno, è quello che, nelle assurdità totali e nell'inverosimiglianza degli eventi, un briciolo di ritmo resta anche se, più di una volta, ho dovuto interrompere la lettura, presa da un brivido d'orrore, chiedendomi come fosse possibile che qualcuno avesse concentrato tante idiozie in un solo volume. Sono di solito molto tollerante e nelle letture, anche di autrici più modeste, trovo sempre qualcosa da salvare, ma questo romanzo è tra più brutti che ho letto negli ultimi tempi.