Translate

giovedì 30 luglio 2020

IMPERFETTA PER ME di Marianna Vidal


L'ultimo romanzo di Marianna Vidal, IMPERFETTA PER ME, in uscita il 30 di questo mese, è un racconto sull'amore imperfetto, o meglio su come questo sentimento non si basi in realtà su dei canoni fissi (estatici e non) per trovare la compagna o il compagno ideale.

Se fosse così, basterebbe rispettare una formula precostituita, ma il più delle volte la combinazione magica che si crea tra due persone, che trovano una propria singolare armonia, è qualcosa di estremamente misterioso che non può essere ingabbiato in uno schema rigido.


Lucas Da Silva è il Fenomeno del calcio mondiale, una sorta di nuovo Ronaldo, che è pagato miliardi per giocare in un squadra immaginaria, il Lanter, che ruota però nei grandi circoli. È un giocatore brasiliano dal corpo perfetto, che ha dedicato tutta la sua esistenza a perfezionare il fisico, che è quello che gli ha permesso di fare fortuna e di scappare dalla miseria a cui era destinato.


Se Cristiano, l'amico e collega di gioco, è un personaggio più morbido, che ama le donne quasi in maniera indiscriminata, è solare e divertente, Lucas racchiude in sé mille problemi e apparenti rigidità, che lo inducono anche a scegliersi compagne adatte all'immagine che emerge dai giornali e sui social. L'immagine per lui è fondamentale; è un modo per avere il controllo su se stesso e la sua vita, come non era riuscito prima di diventare Il Fenomeno.


Quando entrambi arrivano a Ischia, dove hanno preso in affitto una villa lussuosa per tre settimane, sono entrambi accompagnati da due modelle vistose che hanno accettato la vacanza non solo per il piacere della loro compagnia, ma anche per il ritorno pubblicitario.


Peccato che, anche se il posto è fantastico, ad accoglierlo ci siano le sorelle Barbieri con la loro vistosa madre, che sono cadute in disgrazia, dopo il tragico suicidio del padre, e che hanno pensato di chiudere con i debiti che sono caduti sulle loro spalle grazie proprio all'affitto della proprietà.


Come possono due ex figlie di papà gestire in modo professionale una villa lussuosa che fino a poco tempo prima era casa loro? Se Aurora, la sorella più piccola, pensa che i problemi possano essere risolti con un ricco matrimonio (e in questo fomentata anche dalla madre), Sofia è quella che ha la la testa sulle spalle.


Meno appariscente della sorella, e decisamente oversize per i canoni moderni, Sofia ha dovuto mettere in pausa la sua vita e l'università, per farsi carico dei problemi che le sono caduti addosso dopo la morte tragica del padre.


Quando Da Silva arriva insieme a Cristiano, il calciatore che tutti i napoletani odiano per aver tradito la maglia ed essersi venduto al Lanter, che lo ha pagato profumatamente, l'antipatia tra i due è immediata. Sono due persone completamente diverse, almeno all'apparenza. Per Lucas l'immagine è tutto, mentre per Sofia è la sostanza quello che conta. Inoltre Lucas ha l'impressione che le giovani Barbieri sarebbero felici di poter risolvere la loro vita, grazie a un vero e proprio colpaccio. 


Tutto sembrerebbe far pensare che si odieranno ed eviteranno civilmente per le due settimane, invece l'attrazione (quel calcolo illogico che ci porta a provare emozioni per persone che  il nostro cervello rifiuta) li travolgerà, portandoli a compiere azioni che solo l'amore può spiegare.


E grazie proprio a questa potente attrazione che li avvicina, entrambi scopriranno che le apparenze non sono che una maschera che copre la vera sostanza delle persone. Lucas non è un freddo calcolatore interessato solo all'estetica, ma un uomo complesso che ha sofferto e lottato e che ancora adesso cerca di fronteggiare la vita e il mondo con tutte le sue insicurezze. E Sofia è una persona calorosa, onesta, con un cuore capace di amare in modo assoluto.


Ancora una volta la Vidal ci sorprende con una storia ben scritta, con personaggi ben sviluppati, che è facile seguire e capire, anche nelle azioni più articolate, offrendoci paesaggi che ben si prestano al sogno come la sua rinomata Ischia, ma anche una Rio che alterna splendore e miseria. 

mercoledì 22 luglio 2020

LE SETTE SORELLE - La storia di Maya di Lucinda Riley

Avevo letto il nome della Riley ovunque. È considerata una delle scrittrici di maggiore successo degli ultimi anni e le sue copertine (tutte particolarmente curate) ammiccavano dagli scaffali delle librerie dove mi capitava di entrare.


Alla fine ho ceduto, perché ero alla ricerca di una storia che potesse appassionarmi e, avendo una certa predilezione per le saghe, ho deciso di iniziare con il primo volume de LE SETTE SORELLE, dedicato alla figlia più grande adottata da un personaggio carismatico come Pa' Salt.


Maia è una ragazza bellissima, ma timida. Un episodio misterioso nel suo passato ha fatto sì che, diversamente dalle altre cinque sorelle che hanno trovato il loro cammino nel mondo, lei si chiudesse in se stessa e cercasse di fare di tutto per non brillare.


Pur dotata di una bellezza notevole, alla fine è tra tutte quella che non si è costruita una storia sentimentale; pur avendo una certa intelligenza, ha scelto una carriera lavorativa sicura, quella di traduttrice di libri scritti da altri.


Alla morte di Pa' Salt, tutte le ragazze tornano a casa, la splendida villa Atlantis situata sul lago di Ginevra, per poterlo piangere e ricevere le sue ultime volontà e un testamento che rivela una sfera armillare, i cui anelli recano incise alcune coordinate misteriose. 


Pa' Salt ha voluto dare a ciascuna la possibilità di scoprire, quando si sentiranno pronte, il loro passato. La prima a intraprendere questo viaggio sarà proprio Maia, che, più per fuggire a un uomo che l'ha segnata nel passato, si deciderà a prendere un volo per Rio de Janeiro, per indagare sulla storia di Izabela, la sua bisnonna a cui assomiglia in modo impressionante.


Con l'aiuto di Floriano, uno scrittore brasiliano di cui Maia ha tradotto l'ultimo romanzo, i due inizieranno a indagare sulla storia della giovane e aristocratica donna le cui vicende sentimentali sono intrecciate profondamente con la storia della realizzazione del Cristo.


La passione di Izabela per un giovane sculture francese, ostacolata dalla volontà dei genitori di lei, ma soprattutto dal suo senso di responsabilità, la porteranno a un matrimonio infelice, e a dover rubare la felicità.


Attraverso la sua storia, Maia non solo risalirà alle sue origini, ma capirà cose fondamentali sul suo passato e su se stessa, fino al punto di decidere, finalmente, di concedersi la possibilità di vivere pienamente la sua esistenza, mettendo da parte tutte le paure.


La storia è un viaggio, fatto non solo fisicamente e attraverso il tempo, tra la Rio e la Parigi degli anni venti, ma soprattutto dentro se stessa, alla ricerca delle sue paure, da poter sconfiggere e poter superare per poter essere finalmente libera.


Pur avendo uno stile narrativo semplice, alla fine la Riley riesce a tirare fuori una storia avvolgente che spinge il lettore a proseguire per svelare i mille misteri, pur non riuscendoci pienamente. Ho il sospetto sul bambino che Izabela salva una notte a Parigi, ma la cui identità resta avvolta dal mistero, e allo stesso tempo vengono gettate le basi per il prossimo volume, che avrà come protagonista Ally.

Vieni via con me di Susan Elizabeth Phillips

Oggi ho temuto di avere le travecole, ma quando ho scorto un titolo identico al mio romanzo di esordio, Vieni via con me, mi sono incuriosita e ho così scoperto che Amazon raccoglie prenotazioni fin da adesso per un romanzo che verrà pubblicato nel 2030! Sì, avete letto bene! La data riportata per la disponibilità del romanzo è precisamente il 1 gennaio 2030.
Probabilmente si tratta di una data illusoria, scelta dalla casa editrice, LeggereEditore, perché non conosce bene la data di uscita del volume, ma comunque, se desiderate assicurarvi questo imperdibile acquisto, in cartaceo, al prezzo di €16,00, prenotatevi fin da adesso.
Di che romanzo stiamo parlando? Di Vieni via con me di Susan Elisabeth Phillips!
 

Non so se è un'errore, ma per gli amanti di Susan Elisabeth Phillips è possibile prenotare fin da ora il suo ultimo romanzo, Vieni via con me, disponibile dal 1 gennaio 2030.
Sì, avete letto bene! Anch'io non riuscivo a crederci... Raccolgono prenotazioni per il cartaceo...

Ecco a voi la trama:
Quando la vita la mette a dura prova, l'ostetrica e giovane vedova Tess Hartsong scappa il più lontano possibile e si rifugia a Runaway Mountain. In questa piccola e sperduta città sulle montagne del Tennessee, circondata dalla natura, spera di superare il suo dolore e trovare il conforto di cui ha bisogno per guarire. Ma, invece di pace e tranquillità, incontrerà un'artista enigmatica con una brama di solitudine; un folletto da fiaba con troppi segreti; un bambino indifeso; un mucchio di adolescenti curiosi e una città diffidente nei confronti degli estranei, e specialmente uno, testardo quanto Tess. Altrettanto caparbio e pervicacemente cocciuto, Ian North è un uomo difficile, intelligente e dotato ma con un'anima torturata, un uomo che mette in discussione nel profondo Tess e che farà crollare tutte le sue barriere. E, mentre si prepara a fuggire da questa nuova vita, Tess si chiede: si è persa? O ha finalmente trovato il suo futuro?