Translate

sabato 19 gennaio 2019

MIO UNICO AMORE di Marianna Vidal


Tra i romanzi di Marianna Vidal, letti finora, ce n'è uno a cui sono particolarmente legata, ovvero IL TUO BACIO TRA MILLE, che nella serie LATINOS, rappresentava, in qualche modo, una sorta di unico, perché parlava di un amico che  solo di sfuggita compare nelle vita dei vari fratelli ALVAREZ (ovvero Clark, Luis e Ana). La storia de IL TUO BACIO TRA MILLE, infatti, introduceva un nuovo personaggio, che aveva fatto una piccola comparsa,  in VIENI VIA CON ME, ovvero Pablo Echevvarria, un famoso divo della musica pop latina, con una storia difficile alle spalle, che, su un'isola d'inverno, ritrova se stesso e l'amore.


In qualche modo questa storia mi è rimasta nel cuore più delle altre, senza una ragione apparente, o forse il fascino che certi luoghi e certi racconti riescono ad esercitare da sempre sulla mia anima per certi versi invernale. Fatto sta che quando ho scoperto che Pablo era solo il primo di una nuova famiglia a cui dedicare il nuovo filone di Latinos, ho seguito le storie con maggior interesse, anche se in LEZIONI D'AMORE (pubblicato con il primo titolo di HOLLYWOOD, MI AMOR), emergeva un nuovo personaggio, quello di Julián, l'attore di origini messicane, destinato a conquistare il mercato.

ROCIO

La storia di MIO UNICO AMORE in qualche modo ci riporta a casa, ovvero in Messico, con una storia tutta nuova, che ci permette di rincontrare vecchi personaggi e di fare la conoscenza di quelli nuovi. Alla fine il romanzo, infatti, può essere letto tranquillamente anche da quelli che non conoscono gli altri volumi, perché, pur essendo parte di una saga, finisce per essere auto conclusivo.

JULIAN

MIO UNICO AMORE parte con una vaga ispirazione al film Sabrina, del 1954, quello con la bellissima Audrey Hepburn, per poi prenderne le distanze  e offrici una storia nuova, diversa e decisamente moderna. Rocio è la figlia della governante e del manutentore della grande villa dei Gutierrez, che l'hanno cresciuta come un ulteriore membro della loro potente famiglia.

DANIEL

Fin da bambina Rocio si è sentita particolarmente attratta da Julián, il suo miglior amico, con il quale ha sognato da sempre di coronare il suo sogno d'amore, ma il ragazzo, una testa calda e pieno di progetti, si è sempre limitato a trattarla come un'amica, salvo arrivare, con cadenza fissa,  a sconvolgere tutte le sue carte ogni volta che Rocio iniziava una storia con qualcuno.

ROCIO

Eppure all'improvviso, un giorno, in occasione della festa di anniversario dei genitori di Julián, quest'ultimo decide di invitarla a partecipare, desideroso soprattutto di trovare una fidanzata degna di tale nome, che possa stroncare sul nascere le pretese delle varie stelline di Hollywood che vorrebbero prenderlo al laccio, e con cui lui vuole solo divertirsi.

JULIAN

Il problema di Julián, fascinoso e una faccia da schiaffi, è proprio quello di dare per scontato che Rocio aspetti lui tutta la vita. La famiglia del ragazzo, in modo particolare il fratello maggiore Daniel, su cui è ricaduta tutta la responsabilità delle imprese di famiglia, con due fratelli presi dal mondo dello spettacolo (Pablo con quello della musica e Julián con quello del cinema), decide di intervenire, consapevoli che Julián potrebbe finire con spezzare in modo definitivo il cuore di Rocio.

RODIO E DANIEL

Durante la famosa festa di anniversario, infatti, sarà Daniel a presentarsi a casa della ragazza per accompagnarla, mentre Julián è alle prese con una delle ennesime fidanzate americane. Il cuore di Rocio comincia a confondersi soprattutto perché amare Julián è diventata una sorta di abitudine, un sogno scontato al quale non vuole rinunciare, ma pian piano la realtà, incarnata da un uomo completamente diverso da quello immaginato, comincia ad assumere contorni molto più interessanti del sogno.

ROCIO

Daniel si è sempre sentito attratto dalla piccola Rocio, una ragazza vivace, piena di energia, che sogna con diventare cuoca, ma che si è lasciata spesso condizionare dalla sua passione, mal riposta, per il fratello minore. Anche se fino a quel momento si era tenuto da parte, non volendo mettersi in una storia destinata al fallimento, adesso che le carte sono state cambiate sul piatto, Daniel è deciso a giocare il tutto per tutto pur di far capire a Rocio la differenza tra un amore adolescenziale e quello adulto.


Interessante è anche il percorso di crescita della protagonista, che in qualche modo si trasforma davanti agli occhi del lettore, maturando e diventando una donna sicura dei propri sentimenti e delle proprie emozioni. Chi ancora ha bisogno di crescere per poter conquistare il suo posto nel mondo è Julián, ma non dubito che la penna della Vidal gli offrirà questa opportunità.


Ancora una volta Marianna Vidal offre un romanzo che, pur raccontando una storia d'amore, che domina come al solito le sue pagine, si presenta anche come un racconto classico, dove si affacciano diversi personaggi,  e dove si gettano i semi per una nuova storia (vi confesso che aspetto con ansia di leggere quella di Julián e Bea). 


Libro che consiglio vivamente agli appassionati dei romanzi d'amore con intreccio, che amano le ambientazioni esotiche, e che cercano storie ben contestualizzate.

mercoledì 16 gennaio 2019

Marianna Vidal e i suoi romanzi

Buongiorno, 
amiche di Leggo Rosa.
Segnatevi questa data: 18 febbraio 2019 e cliccate su questo link: Marianna Vidal e i suoi romanzi! Non preoccupatevi, non è niente di allarmante, ma da lunedì 18 febbraio accadranno delle belle cose sul gruppo Facebook che vi ho indicato, perché inizieremo la lettura di un mio romanzo. Quale? Vieni via con me.



Pubblicheremo un capitolo a settimana, che resterà disponibile, solo sul gruppo che vi ho indicato, per ben sette giorni, fino alla domenica sera successiva, quando verrà cancellato. Una lettura a tempo, insomma, per lasciare posto al nuovo capitolo, che vi permetterà di fare un nuovo passo in avanti nella storia. Coì procederemo fino alla fine del romanzo, per tutte le settimane successive. Come potrete immaginare è importante essere costanti nella lettura, perché i capitoli verranno cancellati di volta in volta, per fare posto ai nuovi e non sarà possibile recuperarli, se non acquistando il romanzo su Amazon.


Durante la settimana sarà possibile interagire con l'autrice, che sarei io e con i personaggi, che risponderanno, nei limiti del possibile, alle domande dei lettori.
Marianna Vidal e i suoi romanzi, come cita il titolo stesso, è un gruppo dedicato esclusivamente ai miei romanzi e dunque si parlerà prevalentemente di questo e del mio mondo letterario e non solo. Invito, dunque, a partecipare, iscrivendovi fin da ora, tutti coloro che si sono incuriositi alle mie storie, ma non hanno ancora avuto modo di leggere qualcosa di mio. Ecco, questo è un modo economico e spero piacevole, per conoscermi ed eventualmente interagire con me e le mie storie.

domenica 13 gennaio 2019

Dimentica le nuvole di Cinzia La Commare

Oggi vi parlo di un romanzo che mi ha attirato subito per la sua ambientazione montana, Dimentica le nuvole di Cinzia La Commare.



Di questa autrice non avevo mai letto nulla, ma l'idea di una storia tra le nostre montagne mi ha spinto all'acquisto e alla fine della lettura mi sono detta che l'impulso non era stato infruttuoso.


Un paesino tra le Alpi del Trentino.
Una giovane dottoressa arrivata dalla città, un malgaro scontroso e un'antica rivalità mai risolta.

Le leggi dell'amore però non seguono logiche e certe volte non possono essere ignorate... 

Sinossi scarna per un romanzo corposo che segue la protagonista nel suo viaggio interiore, in fuga dalla città, dove lascia un amore finito male, per affrontare una nuova avventura che si rivela molto diversa da quanto immaginato.
Il protagonista di questa storia è quanto di più lontano da quello che Adela si sarebbe mai immaginata, ma è concreto, reale e molto sexy, nonostante tutto....
 Ho amato il modo in cui la protagonista si rapporta a quel piccolo territorio, dove la vita sociale è scandita da ritmi diversi da quelli frenetici della metropoli. E poiché anch'io vivo in un posto che vive di turismo e conosce due facce, quello invernale ed estivo, ho trovato familiare quella realtà. Cosa dire del malgaro dal carattere difficile? La bellezza delle persone è spesso nascosta dietro le apparenze e Adele lo scoprirà a proprie spese.
Storia fresca, frizzante, piena di buoni sentimenti, che porta alla luce aspetti spesso sottovalutati della provincia, in contrapposizione con la città.
Una lettura fresca, divertente e spensierata che ti regala ore piacevoli, aumentando la voglia di visitare quei posti montani, che mi piacciono tanto, ma solo d'estate, lontano dal freddo e la neve.

"Mi hai detto che avrei dovuto dimenticare le nuvole, te lo ricordi? Ci ho provato, giuro che l'ho fatto. Ma da quando te ne sei andata non sono capace di sopportare nemmeno le giornate di sole. Non riesco a sopportare niente, specialmente me stesso, da quando tu non ci sei......"

Voto: ♥♥♥♥