Translate

sabato 17 ottobre 2020

IL NOSTRO NATALE di Marianna Vidal

  

 


Quest'anno il Natale arriva prima, con la sua magia, con il suo romanticismo, e grazie alla penna precisa e dettagliata di Marianna Vidal, che si rivela sempre pronta a regalarci storie sentimentali ben sviluppate, con personaggi che sembra di avere di fronte, per quanto sono ben caratterizzati. 

 


 

Nel suo nuovo romanzo, IL NOSTRO NATALE, le vicende sono ambientate in Trentino, nel piccolo paese di Pango, arroccato sulle montagne, dove vive la nostra protagonista, Alice, una fioraia che conduce una vita serena e felice, ma che nel passato ha commesso un solo grande errore, quello di perdere l'uomo della sua vita.


Alice e Davide si conoscono fin da ragazzini e tra di loro c'è un legame speciale, che un giorno Davide cerca di trasformare in qualcosa di più. Alice, spaventata al pensiero di perderlo come amico, lo rifiuta e anni dopo Davide, convinto che lei non ricambi i suoi sentimenti, si sposa con una ricca avvocatessa londinese, che ha tutte le carte in regola e la famiglia giusta per permettergli di fare carriera nella City.


Il destino di Alice e Davide si è diviso da quel momento. Ognuno ha seguito la propria strada, anche se Alice si è pentita quasi subito del suo rifiuto, ma il treno è passato e la vita è andata avanti. Dieci anni sono passati dal matrimonio di Davide, quando nuovamente la ruota gira e tutto viene stravolto nuovamente, concedendo a entrambi una seconda possibilità che forse permetterà di conquistare la tanto agognata felicità.

 


Davide torna a Pango spinto da una lettera spedita dieci anni prima e smarritasi in giro per il mondo, prima di approdare a lui, quasi come un regalo di Natale, quando la sua vita coniugale è ormai finita, e si trova al principio di una svolta alla sua esistenza.

 


La lettera spedita da Alice alla vigilia delle sue nozze lo riporta a casa, nel posto dell'infanzia, nella terra da dove è fuggito e rivedere la sua amica di sempre, oggi fidanzata con un vistoso falegname di paese, finisce per scuoterlo nel profondo.

 


Ma nulla è quello che sembra e la magia di Natale, complice anche una romantica ottantenne che si prenderà cura di loro, finirà per offrire a entrambi un'occasione per riparare agli errori del passato.

 


Anche con un'ambientazione completamente diversa, rispetto a quelle dei romanzi precedenti, Marianna Vidal ci regala ancora una storia dolce, romantica e coerente, immersa nel profumo delle caldarroste, nelle luci dei mercatini di Natale, e in una romantica tempesta di neve che riuscirà ad abbattere tutti i conflitti.

 


Se amate le storie d'amore, se vi piacciono i racconti sulle seconde possibilità, che gridano fortemente per un lieto fine, e vi emozionate già adesso al pensiero della notte di Natale, che può regalare sogni e avverare desideri, non vi perdete questo romanzo, che aspetta solo di conquistarvi con la sua calda atmosfera d'amore.


mercoledì 14 ottobre 2020

Il nostro Natale di Marianna Vidal Estratti in anteprima

 Esce sabato, su Amazon, ma per chi volesse sbirciare tra le righe, ecco a voi un estratto:


 

Prologo

 

 

 

Londra, dieci anni prima

 

Una settimana a Natale

 

Alice

 

Mi sono sempre chiesta come sarebbe stato indossare un abito da damigella d’onore, ma mai avrei pensato di farlo per partecipare alle nozze di Davide, il mio Davide.

Invece, eccomi qui, con un abito di organza e seta rossa, con il corpino ricamato e una coroncina tra i capelli che mi ricorda una moderna Cenerentola arrivata tardi alla festa di Natale, battuta sul tempo dalle figlie della matrigna.

Non che la madre di Bethany sia minimamente paragonabile alla cattiva della fiaba, ma la figlia…

Faccio una smorfia, scrutandola da questa angolazione.

Al centro della grande pista da ballo, circondata da uno stuolo di invitati, regge il centro della scena, con le sue movenze eleganti.

Bella è bella. Impossibile non ammetterlo, con quel fisico scolpito nel marmo, che le consente di indossare qualsiasi cosa, senza mai sfigurare: seno alto e sodo, fianchi leggermente arrotondati, pancia piatta, gambe chilometriche e un sorriso degno di una campagna pubblicitaria.

Potresti scambiarla per una modella, ma no, lei non sfila sulle passerelle. Lei lavora con il padre, Edward William Wright, nello studio legale di famiglia, dove di recente è stato assunto anche Davide.

Mi mordo un labbro, cercando lo sposo per la sala. Si muove tra gli invitati, scambiando sorrisi e strette di mano, ridendo alle battute di qualche amico o parente un po’ alticcio. Eccolo! Il mio cuore ha un sussulto, mentre sospiro senza speranza.

Bruno, con i capelli mossi e gli occhi blu, indossa un elegante abito da cerimonia che gli è costato un occhio della testa, con tanto di rosa all’occhiello e foulard in seta a carezzargli la gola.

Ingurgito il liquido dorato che resta nel mio bicchiere, socchiudendo brevemente le palpebre.

Lo abbiamo scelto insieme quell’abito, due settimane fa.

Sono venuta di proposito, per accompagnare il mio migliore amico alle nozze… A dire il vero, il mio intento era quello di mandarle a monte, ma la vulcanica Bethany ha pensato bene di cambiare le carte in tavola, chiedendomi di farle da damigella d’onore, coinvolgendomi in buona parte dei suoi preparativi, riducendo drasticamente il mio tempo a disposizione per restare sola con lo sposo.

Come se non sapessi che non mi sopporta, ma lei, a differenza di me, sa sempre come comportarsi.

Bethany la perfetta, Bethany l’irresistibile, Bethany, la moglie di Davide, la donna che ha distrutto ogni mia speranza!

Serro le labbra, reclinando il capo all’indietro per ingurgitare quanto resta dello champagne nel mio bicchiere.

La colpa è solo mia. Ho incasellato un errore dietro l’altro e ora non c’è più rimedio.

Davide ha detto sì e si è legato per sempre a quella versione rivisitata di Barbie che gli sorride come se non ci fosse un domani e stringe la sua mano con fermo possesso.

Cogliona io che ho anche accettato di partecipare alle loro nozze!

Non mi sarei dovuta muovere da Pango, altro che prendere l’aereo e volare a Londra.

Invece l’ho fatto, perché Davide mi ha pregata ed io non riesco a negargli nulla.

Colpa mia! Chi lo ha rifiutato cinque anni fa, per paura di perderlo come amico? Ovviamente, io.

Porca la miseria! Ma come potevo immaginare che mi sarebbe bastato rivederlo, dopo pochi mesi, di ritorno da Londra, per scoprire che quello che provavo non era affatto un sentimento fraterno, ma qualcosa di molto diverso?

La mia solita fortuna.

Davide è tornato, felicemente fidanzato, al fianco di una biondina che era una copia sbiadita di quella che me lo avrebbe portato via per sempre…

Afferro la bottiglia al centro del tavolo e la rivolto, per vedere approdare nel mio bicchiere vuoto una misera goccia di champagne.

«Cazzo!», sbotto molto poco elegantemente, adocchiando il vino sul tavolo accanto al mio.

Mi guardo intorno.

Non c’è che desolazione attorno a me: sedie scostate e tavoli depredati, con bicchieri semipieni, piatti sporchi e tovaglioli abbandonati alla rinfusa.

Sembrano i resti di una battaglia, dopo un assalto.

Tre tavoli oltre, una coppietta si tiene per mano, amoreggiando, isolata dal mondo, indifferente a chi, come me, soffre per amore.

Lancio un’occhiata agli sposi in pista, che attirano l’attenzione dei presenti e mi muovo rapida, afferrando il mio salvagente, per ritornare alla mia postazione privilegiata.

Mi accomodo sulla sedia, osservando il liquido dorato scivolare nel bicchiere.

«Non pensi di aver bevuto abbastanza per stasera?».

La mano di Davide mi sfila il calice, costringendomi a sollevare lo sguardo su di lui.

Aggrotto la fronte crucciata, tornando alla pista da ballo.

Bethany è tra le braccia del padre e non sembra essersi accorta di noi.

«Cosa ci fai qui?», chiedo al mio amico, con voce leggermente impastata.

«È quello che domando a te».

Davide recupera una sedia, trascinandola vicino al tavolo e occupandola.

«Questo è il mio matrimonio e tu sei la mia migliore amica», mi rammenta con quelle iridi come il mare in tempesta.

Mi lascio cadere contro la spalliera della sedia, scrutandolo da sotto le ciglia.

«Eh?», gli domando circospetta.

«E dovresti divertirti», osserva, spalancando le braccia. «Dovresti ballare, accettare le attenzioni di qualche mio amico single…».

Si guarda intorno, come alla ricerca di un papabile, così mi affretto a fermarlo, poggiandogli una mano sul braccio, cercando i suoi occhi.

«Non ho bisogno di un Cupido», gli assicuro a scanso di equivoci. «Sono sola, perché voglio stare sola».

«Ok!».

Davide si raddrizza sulla sedia, abbozzando un sorriso.

«Se è questo che vuoi…».

Reclina leggermente il capo, osservandomi di traverso, con uno strano sorrisetto sulle labbra.

«Non accetteresti nemmeno un invito da parte dello sposo?», mi domanda con il suo irresistibile sorriso sbilenco, che mi torce le budella.

Sento una strana sensazione pervadermi tutto il corpo, la solita quando lui mi guarda così, e, sbuffando, mi alzo.

«Va bene», gli concedo, facendogli pesare la mia concessione. «Sappi, però, che la tua amata mogliettina ha scelto delle scarpe scomodissime per noi damigelle e ho i piedi che mi fanno un male terribile».

Mi scosto una ciocca di capelli scuri che si è sfilata dalla sofisticata acconciatura, e raddrizzo la schiena consapevole che presto gli occhi di tutti saranno su di noi.

«Vorresti farmi credere che sei meno ubriaca della sera del mio addio al celibato?», mi domanda a un tratto Davide, afferrandomi una mano, con un’espressione divertita.

Sento il rossore imporporarmi le guance, ma gli reggo il gioco.

«Ti ricordo che uscendo dalla torta non avevo i tacchi», gli strizzo un occhio.

«Sì, in effetti indossavi solo uno striminzito tanga bianco sotto un’infinità di veli…», mi rammenta tra il serio e il faceto.

Mi mordo un labbro, rimangiandomi le parole che si sono affacciate alla mia mente.

«È stata un’idea dei tuoi amici», gli faccio notare. «Gli stessi che mi hanno abbandonato al tavolo per dedicarsi alle altre damigelle».

«Bugiarda». Davide scuote il capo, ridendo. «Gabriel mi ha detto che ti hanno pregato di unirti a loro, ma tu hai preferito restare ancorata al tavolo, rifiutando tutte le loro proposte».

«Sì, può essere», riconosco, di cattivo umore.

Cosa c’è da festeggiare, se il tuo cuore è triste?

«Comunque, quella sera hai rischiato di farmi venire un infarto», mi confessa il mio amore impossibile, afferrandomi una mano e abbassando la voce.

Mi volto a guardarlo, incerta.

C’è uno strano scintillio in quelle iridi scure, mentre mi dice:

«Ho sognato per anni di vederti nuda, ma non pensavo certo che il desiderio si sarebbe realizzato il giorno del mio addio al celibato!».

Mi strizza un occhio ed io sento la mia bocca schiudersi incredula, mentre mi passano davanti le immagini salienti di quella serata tra uomini che sfuma progressivamente nei fumi dell’alcol, fino al mio risveglio in albergo, abbracciata a un cuscino.

Scuoto il capo, cercando di darmi un contegno.

«Davide Innocenti, ti ricordo che sei sposato», lo bacchetto, con il cuore al vento. «Da poco, ma sei sposato».

 

***

Davide

 

«Già, sono sposato!», farfuglio, controllando l’orologio. «Per essere precisi da quattro ore, ventisei minuti e dieci secondi».

«Abbastanza da provarci con me?», mi domanda, scherzosa, appoggiandomi confidenzialmente la testa sulla spalla e ridendo.

«Sai che non smetterei mai di provarci con te, se sapessi di avere una chance», le ripeto in un gioco consolidato, per tornare serio, scuotendo lievemente il capo e osservando:

 «Bethany è perfetta per me. È la mia donna ideale», le confido, baciandole il capo.

«Sì, lo so», riconosce di cattivo umore. «Bionda, con gli occhi azzurri, bella come poche, raffinata e con un padre avvocato», scandisce con una strana nota nella voce.

«Pensavo ti piacesse Bethany!», osservo, crucciato. «Hai persino accettato di farle da damigella d’onore».

«Solo per non dargliela vinta», chiarisce con un certo astio che mi fa corrugare la fronte.

«Cosa stai cercando di dirmi?».

«Davide!». Si arresta all’improvviso, a pochi passi dalla pista da ballo, afferrandomi una mano e guardandosi intorno, come alla ricerca di un angolo dove poter parlare in santa pace.

La sospingo dietro un pilastro, dove dei camerieri hanno allestito un tavolo con piatti e posate pulite, di spalle alla pista da ballo, per proseguire lungo un corridoio che conduce alle camere.

La musica si sente soffusa e a parte un paio di camerieri che ci sfiorano passando, non c’è nessuno.

«Allora?», la incalzo.

«Tua moglie non mi sopporta», sbotta, tremando leggermente, con gli occhi lucidi. «Se potesse impacchettarmi e rispedirmi in Trentino lo farebbe molto volentieri».

«Non dire sciocchezze», scuoto il capo, carezzandole un braccio. «Bethany può sembrare fredda all’apparenza, ma non lo è…».

«Questo è quello che vuoi credere tu», solleva il mento a modo di sfida. «Ma per come la vedo io, la tua cara mogliettina farà di tutto per impedire alla nostra amicizia di continuare, dopo il ritorno dal viaggio di nozze».

«No, non Bethany!», mi sciolgo in una risata. «Bethany sa quanto sei importante per me», le assicuro. «Insomma, sa benissimo che siamo cresciuti insieme e che sei tutto quello che mi resta della mia famiglia italiana».

Alice serra le labbra, osservandomi triste.

«Spero di cuore di sbagliarmi», si piega nelle spalle. «Purtroppo, però, difficilmente perdo un colpo».

«Questa volta ti sbagli», insisto con tono duro. «Non succederà, vedrai».

 


Capitolo 1

 

 

Londra, dieci anni dopo

 

Davide

 

Anche la City, con l’avvicinarsi del Natale, subisce il fascino della tradizione. Nelle strade illuminate, nei locali affollati e nei negozi addobbati a festa si respira aria natalizia, e tra grossi uomini vestiti di rosso agli angoli della strada e musiche a tema, buona parte di dicembre è volata senza quasi che me ne accorgessi.

Dieci giorni a Natale, ma quest’anno tutto sarà diverso.

Faccio una smorfia, trascinandomi dietro la mia ventiquattrore, entrando nel palazzo di vetro, a pochi passi dal Tower Bridge, dove ha sede il mio ufficio, all’interno della William & Wright, lo studio legale di famiglia.

Sollevo una mano, ricambiando il saluto del portiere, e procedo spedito fino all’ascensore.

Dovrei abituarmi a pensare a Edward come il mio ex suocero, ma lavorare negli stessi spazi di quando frequentavo sua figlia mi crea ancora qualche confusione.

Pigio il pulsante al venticinquesimo piano e stringo la mano a uno degli apprendisti che si sono uniti a noi di recente, tornando con la mente alla mia nuova giornata lavorativa.

Nelle ultime settimane ho consumato gli occhi sulla documentazione che la Turner mi ha fatto pervenire e credo di essere riuscito a trovare un cavillo che eviterà alla società di sobbarcarsi un risarcimento milionario.

Un bel risultato che porterà lustro all’intero studio e non solo a me, che comunque negli ultimi anni sono riuscito a costruirmi una reputazione di tutto rispetto, che mi consentirebbe di vendere le mie quote per creare qualcosa di mio.

Anche su questo rifletto da tempo, ma per quanto mi sforzi, non l’ho ancora fatto.

Eppure so che continuare a lavorare ogni giorno fianco a fianco con Bethany non fa bene né a me né a lei.

Il problema è Edward. Dopo la perdita dei miei genitori è stato come un padre per me e lasciarlo, per lavorare in proprio, mi sembra un po’ come tradirlo.

Stupidi retaggi di un’educazione nostalgica e sentimentale che mi tarpano le ali.

Le porte dell’ascensore si aprono e Robert mi fa cenno di passare.

Lo assecondo, varcando l’ingresso in vetro della William & Wright. Sorrido al familiare ticchettino delle dita sulle tastiere dei computer.

Se non fosse per il grosso albero di Natale, che ho scorto di lato alla porta, in questo posto nessuno direbbe che manca una manciata di giorni a Natale. C’è un mormorio sommesso di teste chine su dei fogli che si scambiano pareri tra loro, alternandosi ad altri che misurano a grandi falcate i trenta metri quadrati della sala d’aspetto.

«Avvocato Innocenti», la praticante di Edward, una biondina niente male, dai lunghi capelli ricci e un fisico da pin up, avanza dalla porta sul fondo, dove sono dislocati gli uffici dei soci, tra cui anche il mio, stringendo al petto un plico che custodisce i segreti di uno dei tanti casi che seguo con lo studio associato.

«Buongiorno, Bridget», la saluto, distrattamente, proseguendo fino al mio ufficio.

«Avvocato».

La voce melodiosa della segretaria mi arresta a pochi passi da lei.

«L’avvocato William vorrebbe parlarle», mi avvisa.

Arriccio la bocca pensieroso.

Quando ciò accade, di solito, c’entra sempre la mia adorata ex moglie.

Sospiro rassegnato. Probabilmente vuole parlarmi di qualche questione legata a Bethany e visto che sua figlia non si degna di alzare il telefono, come al solito, sarà paparino a risolvere tutto.

«È in ufficio?», domando alla biondina, deciso a strapparmi quanto prima il dente dolente.

«Sì, ha un appuntamento a breve, ma se si affretta, forse riesce a parlargli prima».

«Grazie», mormoro di rimando, procedendo lungo il corridoio di stanze, fino a quella sul fondo.

La porta è aperta, ma prima di accedervi, faccio capolino in quella accanto, dove scorgo July, una brunetta dai capelli corti e un paio di pesanti occhiali sul naso, che, appena mi vede, si porta un dito alla montatura facendola risalire in cima al naso, con un breve cenno del capo.

«Avvocato!», mi saluta, arrestando le dita sulla tastiera.

«Edward è impegnato?».

«No, la sta aspettando».

«Bene», sorrido, serrando le labbra.

Istintivamente mi porto una mano alla cravatta, stringendo il nodo e raddrizzando la schiena.

Allungo una mano e busso alla porta aperta.

«Sì?».

La voce proviene dal fondo, come dal bagno che è collegato allo studio di Edward.

«Posso entrare?», domando, passando in rassegna la grossa scrivania in noce, sulla quale è disseminata una montagna di carte.

Edward Williams e la parola ordine non vanno d’accordo.

«Davide!».

La testa candida di mio suocero fa capolino dal bagno, mentre si asciuga le mani con un telo di spugna azzurra che riprende i toni dell’arredo.

«Accomodati pure», mi invita, alzando leggermente la voce. «Arrivo subito», mi annuncia, per poi dirmi:

«Chiedi a July di portarti un caffè».

«No, grazie», rifiuto. «Ne ho appena preso uno», gli spiego, chiudendomi la porta alle spalle e accomodandomi sulla poltroncina in pelle, sistemata davanti alla scrivania.

«Allora, di cosa volevi parlarmi con tanta urgenza?», gli chiedo, appena lo vedo scivolare dietro la sua postazione in maniche di camicia, sistemandosi i polsini.

«Davide…», solleva lo sguardo nel mio.

Appare a disagio e non è da lui.

«È successo qualcosa?», gli domando, accavallando le gambe e affondando i gomiti nei braccioli della poltrona.

«Problemi con qualche cliente?».

«No», farfuglia, cercando le parole e carezzandosi la barba bianca e ben curata che gli copre buona parte del mento.

«Nuove pretese da Bethany?», gli chiedo, sbuffando palesemente annoiato.

Mia moglie, o meglio la mia ex moglie, si è rivelata una grande delusione e la colpa, a mio parere, è dei genitori che non hanno mai saputo porre un freno alle sue pretese di figlia viziata, a cui anch’io mi sono piegato per i primi anni di matrimonio, fino a quando non ho capito di non poterla più assecondare per rispetto a me stesso e all’uomo che nonostante tutto sono diventato.

«So che mia figlia non si è comportata bene nei tuoi confronti, ma…».

«William, vai al punto», lo liquido con un gesto brusco della mano.

«Dopodomani partiamo per la Scozia, come tutti gli anni, per trascorrere le festività a Glasgow, e mi chiedevo…».

Non lo lascio terminare, scuotendo il capo, risoluto.

«Non verrò».

William sbuffa, lasciandosi cadere contro la spalliera della sedia.

«Davide», sospira, passandosi stancamente una mano sul volto.

«Non penserai davvero di mandare a monte un matrimonio di dieci anni per qualcosa che non conta?».

«Portarsi a letto un collega, per attirarlo dalla sua parte, in un giudizio che rischiava di perdere, ti sembra una cosa da poco?», mi costringo a osservare, mantenendo la calma.

«Conosci, Bethany!». William si piega nelle spalle. «Detesta perdere».

«E per vincere non si fa scrupoli a usare qualsiasi arma…». Annuisco, brevemente. «Non verrò a Glasgow con voi», gli ribadisco.

«Vuoi metterla alla prova?».

William scivola sulla scrivania, cercando il mio sguardo.

«Non c’è alcuna prova da sostenere», gli chiarisco, accavallando una gamba e dondolandola nervosamente sull’altra. «Il matrimonio è finito», gli chiarisco. «Resta in piedi solo una collaborazione professionale».

«Davide…».

«Non farò marcia indietro», gli ribadisco, ostinato.

«D’accordo!».

Mio suocero alza le mani in segno di resa, osservandomi in silenzio per qualche istante, prima di arretrare con la sedia girevole, alzandosi in piedi e voltandomi le spalle, per perdersi con lo sguardo sul paesaggio grigio e fumoso della City e sugli alti palazzi in vetro, come raccogliendo i pensieri, prima di dirmi:

«So che per un uomo, soprattutto un italiano, è difficile accettare un tradimento, ma Bethany è molto pentita e tu…».

«È così pentita che ha mandato te a mediare per lei?», lo interrompo.

Edward si volta di scatto, affondando i suoi occhi grigi nei miei.

«Perché tu non le rivolgi la parola e insisti per porre fine al vostro matrimonio», si accalora, battendo una mano sulla scrivania, coperta di documenti.

«La parola fine al nostro matrimonio l’ha scritta lei, quando ha deciso di usare le sue arti amatorie per vincere in uno scontro legale con un avversario che nel foro avrebbe avuto la meglio», gli rammento, ma prima che mi risponda, gli intimo di non farlo, restando in ascolto.

«Non so se gli inglesi sono migliori degli italiani, sul fronte corna, ma per quanto mi riguarda un’unione si basa sulla fiducia e il rispetto. Cose che con Bethany forse non sono mai esistite».

Mi alzo, deciso a piantarlo in asso, afferrando la mia ventiquattrore e il cappotto che mi sono sfilato entrando.

«Ringrazia Kate per l’invito, ma questo Natale lo trascorrerò a Londra».

Gli volto le spalle, deciso ad andarmene, ma la voce profonda di William mi arresta:

«È la tua ultima parola?».

Giro lentamente su me stesso, arrestandomi crucciato.

«Cosa intendi?».

È chiaro che non si riferisce alle vacanze natalizie ed io non sono un tipo che ama girare intorno alle cose.

«Se hai deciso di porre fine al matrimonio con Bethany, la tua presenza qui non è più gradita», mi comunica, senza mezzi termini.

«Siamo a questo punto?», gli chiedo, con un sorrisetto amaro.

«Non mi lasci scelta».

Edward si piega nelle spalle.

«Tu e Bethany siete miei soci alla pari, ma come comprenderai, non posso allontanare mia figlia…».

«Ovviamente», riconosco, tornando indietro e adagiando la valigetta sul pavimento, per tornare con lo sguardo a quell’uomo dall’aria austera e la barba bianca, che per una parte della mia vita ho considerato come un padre.

«Se è questa la tua decisione, liquidami la mia parte e, già a metà gennaio, ognuno potrà proseguire per la propria strada».

«Per quanto mi riguarda, posso liquidarti domani stesso, e anche il doppio del valore della tua partecipazione in questo studio, ma a una sola condizione».

«Sarebbe?».

«I clienti dello studio restano alla William & Wright».

Una risata mi sgorga incontrollata dalle labbra, mentre osservo mio suocero con aria divertita.

«Stai scherzando, vero?».

«Affatto», mi chiarisce.

Serro le labbra arricciandole pensieroso, riconoscendo:

«La tua richiesta avrebbe senso, se lavorassimo tutti nello stesso ramo, ma io mi sono occupato fin dall’inizio di diritto internazionale e questo studio, fino al mio arrivo, non aveva mai trattato cause del genere...». Scrollo le spalle. «Dunque, è da escludere che io rinunci a seguire i miei clienti, per permetterti di trovare un sostituto con cui assicurarti un introito su cause di non tua spettanza».

«Davide, non rendiamo ancora più spiacevole questa conversazione».

Edward infila le mani in tasca, osservandomi di sottecchi.

«Per quanto mi riguarda, sei ancora il mio genero preferito e sono convinto che la crisi matrimoniale tra te e Bethany si possa risolvere, ma se così non fosse, tu andrai via, lasciando i clienti dello studio a noi».

«Puoi scordartelo», serro i denti, recuperando la mia ventiquattrore. «Se vado via, i miei clienti saranno liberi di seguirmi».

«Non pensavo fossi così ingrato». Edward scuote il capo. «Devo ricordarti chi eri, quando sei approdato in questo studio legale?».

«Non serve», gli assicuro, serrando i denti. «So perfettamente che quando mi hai accolto in questo studio non ero nessuno e con i mezzi a mia disposizione avrei sicuramente faticato ad avviare uno studio tutto mio, ma in questi anni è stata la mia professionalità a garantire una continuità di rapporto con le aziende che rappresentiamo».

«Davide, pensaci!».

La voce di Edward s’incrina, come se fosse sinceramente dispiaciuto per la piega che sta prendendo la nostra conversazione.

«Riparliamone, dopo le festività…». Mi sorride appena. «Chissà che queste vacanze non ci schiariscano le idee…».

Sì, forse ha ragione.

Ho bisogno di tempo per pensare e per capire in che direzione andare. Dunque, rispondergli adesso potrebbe essere controproducente, così annuisco, voltandogli le spalle e marciando fuori da quello studio, dove comincia a mancarmi l’aria.