Translate

martedì 14 agosto 2018

Per amore di un corsaro di Mirta Drake

Oggi parliamo di Per amore di un corsaro di Mirta Drake.
Autrice di cui non avevo letto nulla e che invece è da tenere d'occhio, perché scrive, non solo bene, ma in modo piacevole.



Ecco a voi la trama:


Morgan Queen è un pirata che sparge terrore nei mari delle Bahamas. Ma pochi conoscono il suo segreto: è una donna! Quando si scontra con William Spencer, corsaro al soldo della Marina inglese, fra lei e il suo affascinante nemico si scatena un'indomabile attrazione. Morgan, alla ricerca di un fantomatico galeone spagnolo pieno d'oro, comincia a destreggiarsi fra schermaglie e baci rubati e, senza quasi accorgersene, cede alle lusinghe dell'amore mettendo in forse la sua intera esistenza. Nel cuore, però, rimane un pirata, e un pirata ha sempre un'arma di riserva...

Romanzo scorrevole, avventuroso, divertente e romantico. Non manca nessun elemento e tutto è ben equilibrato.
Mi è veramente piaciuta questa storia, con Morgan risparmiata da una sorte tragica grazie all'intervento tempestivo di un pirata dal cuore buono, che la crescerà come se fosse suo figlio, prendendosene cura, fino a quando non sarà grande e capace di guidare una sua nave.
A complicarle la vita, inevitabilmente, arriverà l'elegante William Spencer che le ricorderà che sotto gli abiti da maschio c'è una donna che lo fronteggia alla pari e questa cosa gli piace e ci piace!
Non vi rivelerò nulla della storia, perché dovete apprezzarla pagina dopo pagina, tra combattimenti, assalti e batticuori.
Una lettura fresca, rilassante e ben strutturata.

Un commento a parte merita il finale, per niente scontato...
Lo sapete, sono in una fase di noia, dove i romanzi rosa mi appaiono un po' tutti uguali e questo mi dispiace, perché mi priva in parte del piacere della lettura, ma questo libro mi ha portato una boccata di aria fresca e dunque ve lo consiglio senza remore.


Voto: ♥♥♥♥♥

domenica 12 agosto 2018

TUTTO IN UNA SOLA NOTTE di Kylie Scott

Confesso che dopo la lettura del primo volume di Love, UN NUOVO DESTINO di L.A. Casey ero presa da un lieve senso di nausea al pensiero di dover leggere un altro "romance" che si potesse rivelare assolutamente sconclusionato e scritto malissimo, tanto che stavo cominciando a vagliare l'ipotesi di buttarsi su di un classico, uno di quei mattoni che spaventano i più, e che in alcuni momenti della mia vita mi sono venuti in contro per salvarmi dalla noia mortale di altri tipi di racconti.

Poi mi sono detta che non era giusto e che non tutte le autrici di romance sono assolutamente prive di talento, che ho letto cose decisamente dignitose, altre appassionanti, e quindi ho vinto il timore e ho deciso di leggere TUTTO IN UN SOLA NOTTE di Kylie Scott, che ho comprato sempre in edizione pacchetto, ovvero con tre volumi in uno.


Le vicende ruotano intorno ad un gruppo musicale, i Stage Dive, amatissimi dal pubblico, chiacchieratissimi, sempre sulle prime pagine delle riviste per il loro talento, ma soprattutto per i loro eccessi. Una mattina, a Las Vegas, la giovanissima Evelyn Thomas, si risveglia confusa e con un forte senso di nausea. Aveva programmato di festeggiare il suo ventunesimo compleanno con un viaggio insieme alla sua amica a Las Vegas, dove rimorchiare finalmente qualcuno, e scrollarsi di dosso il ricordo di una passata esperienza, assolutamente negativa, sul sesso. 


Quando però Evelyn riapre gli occhi, scopre di non essere sola, ma di avere un anello vistosissimo al dito, un tatuaggio con il nome David fresco di ago, sul sedere, e di essersi sposata, senza neanche ricordarselo, con il batterista e autore degli Stage Dive.


Sconvolta la ragazza cerca di ritornare alla sua vita, in un primo momento, convinta di poterlo fare, ma la stampa la perseguita, la sua faccia compare su ogni rivista, e David la fa chiamare nella sua villa per proporle un accordo per il divorzio. Peccato che lei non sia per niente interessata ai suoi soldi e David sia davvero interessato a lei, tanto che i due, dopo un primo scontro, decidono di conoscersi davvero per capire se si è trattata solo di una follia di una notte, o qualcosa che potrebbe davvero funzionare.


Il contesto degli Stage Dive, con i diversi membri piuttosto eccentrici o problematici, tra cui spicca la star e voce del gruppo, ovvero Jimmy, il fratello di David, alcolizzato e con problemi di droga, esasperato da un rapporto materno malato, che sembra però avviarsi verso una soluzione verso la fine del libro.


Libro carino, sicuramente scritto meglio rispetto a quello della Casey, anche se sicuramente non un capolavoro. La parte di conoscenza tra i due finisce per scivolare facilmente nella noia e tradursi nella solita storia senza spessore né messaggio, che è tipica di molti di questi romanzi, ma sicuramente la Scott conosce il suo mestiere, si sforza per creare un libro con una trama vagamente realistica e gli eventi scorrono lineari. 


Resta un vago interesse per Mal e Jimmy, a cui sono dedicati i libri successivi, e a cui si può arrivare senza rabbrividire. Cercherò di recuperarli.

domenica 5 agosto 2018

LOVE UN NUOVO DESTINO di L.A. Casey



Il mio incontro con questo romanzo è stato piuttosto travagliato e alla fine mi ha indotto a meditare su tutta la categoria del genere romance, cosa che di solito non faccio mai, perché sono assolutamente convinta che ogni genere ha una sua dignità ed esempi di libri scritti con arte in mezzo a un mare di mediocrità. 


Eppure imbattendomi in certe lodi sperticate di un volume come questo, mi sono chiesta anche come sia possibile essere completamente accecati dal proprio gusto personale al punto da non capire la differenza tra scrivere e fantasticare nella propria cameretta. Certo, il lettore deve essere coltivato e abituato a non limitare le sue letture solo ad un certo tipo di storie, ma i gusti sono gusti e sono la prima a dire che nessuno si può permettere di giudicare. Una componente fondamentale del romance è l'intrattenimento, eppure scrivere è un arte che presenta delle regole precise e la Casey sembra completamente a digiuno di qualsiasi base.


La storia, sintetizzandola, è quella di Bronagh, studentessa chiusa e riservata, che, dopo la morte dei genitori, vive con la sorella e cerca di tenere lontano tutte le persone che vogliono avvicinarla. La sua esistenza subisce una svolta quando a scuola arrivano due gemelli, Dominic e Damien, americani, bellissimi, ma allo stesso tempo pericolosi. In modo particolare Dominic finisce per sviluppare un interesse morboso ed insistente nei confronti di Bronagh. I due si odiano e non perdono occasione per provocarsi e picchiarsi davanti a tutti gli studenti. Eppure, pian piano, la continua interazione con Dominic, induce Bronagh ad aprirsi nei confronti del mondo esterno e a uscire dal guscio nel quale si è nascosta per proteggersi. Peccato che Dominic non sia un semplice studente americano in trasferta, ma la sua vita nasconda molti segreti.


Messa così, la trama presenta degli elementi interessanti, ma è la sua elaborazione che mostra pecche continue, frutto di una penna decisamente debole, incapace di dare sostanza ad un contenuto simile. Dialoghi surreali, che sembrano frutto di personaggi decerebrati senza un minimo di capacità psicologia o emotiva, basti pensare all'assurdo personaggio della sorella, che dovrebbe essere la tutrice di Bronagh, ma che non si preoccupa minimamente che la sorella venga coinvolta nelle trame di una famiglia pericolosa, purché finalmente "la dia" a qualcuno.


Le descrizioni sono assenti. Sembra quasi di muoversi senza vedere i posti, le persone che ci troviamo davanti. Siamo in Irlanda, ma si è talmente vaghi che potrebbe essere qualsiasi altro posto, tranne per qualche riferimento alla pronuncia della protagonista. 


I colpi di scena sembrano frutto della mente di una tredicenne in piena crisi ormonale, che crede di poter parlare di malavita, narcotraffico, dopo aver seguito distrattamente un servizio del telegiornale, senza capire che cosa significa davvero un sistema gerarchico in un'organizzazione criminale, dal quale non si esce che in un solo modo.


E se tutta la svolta d'azione è assolutamente ridicola (e lo dico da lettrice che adora i romanzi suspense che sanno combinare amore, sesso e azione e di cui Pamela Clare è un Must), l'amore viene presentato in modo ancora più ridicolo. L'ossessione di Dominic nei confronti di Bronagh è quasi maniacale, da troglodita uscito dalla caverna emettendo grugniti e incapace di esprimere a parole o nei fatti un sentimento profondo e vero. 


Se un merito devo per forza trovarlo, anche per convincere me stessa a proseguire, prima o poi,  la lettura degli altri due romanzi, avendo, sfortunatamente comprato una raccolta di tre volumi in uno, è quello che, nelle assurdità totali e nell'inverosimiglianza degli eventi, un briciolo di ritmo resta anche se, più di una volta, ho dovuto interrompere la lettura, presa da un brivido d'orrore, chiedendomi come fosse possibile che qualcuno avesse concentrato tante idiozie in un solo volume. Sono di solito molto tollerante e nelle letture, anche di autrici più modeste, trovo sempre qualcosa da salvare, ma questo romanzo è tra più brutti che ho letto negli ultimi tempi.

lunedì 30 luglio 2018

Le cover più accattivanti di luglio? Scopriamole insieme!

Buongiorno,
siamo quasi ad agosto, ma la nostra rubrica dedicata alle cover non si ferma e oggi proclamiamo le tre copertine che si guadagnano una segnalazione sul nostro blog per il romanzo che rappresentano.
Come sempre, un ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato, postando e votando, durante il mese di luglio.
Partiamo dal terzo posto, per lasciare un minino si suspance per il vincitore...
Terzo posto per A fuoco lento 2: L'inganno e la vendetta di A. D. Viga.



Se non lo avete ancora letto, questa è la trama:

Raul Mathias Calabresi è ormai certo di aver raggiunto la tanto bramata serenità, infatti a Dubai riprende completamente in mano la propria vita e con l'aiuto e l'amore di Victoria riesce ad allontanare i demoni interiori che lo avevano braccato negli ultimi anni.Un giorno bussa alla loro porta una ragazza dall'aspetto goffo e ingenuo, ma che riuscirà a insinuarsi nelle loro vite con l'intento di stravolgerle.Così Raul, defilatosi dal ruolo di carnefice inconsapevole a causa del suo bipolarismo, diventa la vittima prescelta di una folle vendetta ordita ai suoi danni, in cui i fantasmi del passato torneranno prepotentemente a bussare spingendolo in promiscue e ambigue situazioni.Chi è la persona che vuole decretare la fine di un grandissimo amore come quello tra Victoria e Raul?Il sequel di A fuego lento è un mix pazzesco di adrenalina, suspense, ossessioni, passioni, forti ambiguità ed erotismo.

Se siete interessati, lo trovate in formato digitale e cartaceo su Amazon. Per gli abbonati a Kindle Unlimited, è gratuito!

Secondo posto per AAA Abito da sposa cercasi di Amanda Foley, con una copertina di Antonella Bagordo.


Se la cover vi ispira, date un'occhiata alla trama...

Tutte le donne aspettano l'uomo della loro vita, nel frattempo però, si sposano.Emma non crede più nell'amore da quando il marito l'ha lasciata per una pausa di riflessione di nome Irina. Le sue giornate si dividono tra i figli e il lavoro all'atelier di abiti da sposa che gestisce con Laura finché un giorno sulla sua strada incontra non uno, bensì due uomini che la corteggiano. Lorenzo, affascinante rappresentante che le fa proposte esplicite, e Andrea, con cui si era persa di vista dai tempi della scuola. Come nelle favole, il timido e scialbo ragazzino di cui aveva solo un ricordo offuscato si è trasformato in un uomo affascinante quanto misterioso che, con incontri apparentemente casuali, riesce a tesserle attorno una tela che la avvolge. E dall'altra parte c'è Lorenzo, che con i suoi sms e un incontro inatteso riappare nei momenti più impensati. Riuscirà Emma a trovare la chiave per riaprire la porta del proprio cuore, concedendosi un'altra opportunità? Tra sospiri, segreti e preziosi abiti da sposa, accogliamo insieme a Emma le donne che entrano nel suo delizioso atelier e ascoltando le loro storie, e i loro sogni d'amore scopriremo che in ogni vita la favola è dietro l'angolo.

Disponibile solo in formato digitale su Amazon, è gratuito per gli abbonati a Kindle Unlimited.

Ed eccoci giunti alla proclamazione del vincitore di questo mese, che è... Valentina Piazza con Tesoro di Scozia!



Che ve ne pare?
Per ogni evenienza, vi lascio la trama:

Metti una rossa senza peli sulla lingua, intraprendente, curiosa e anche un po’ dispettosa a ficcanasare in un castello alla ricerca della verità, alla ricerca di un drappo magico appartenuto all’antico popolo, in una terra aspra eppure misteriosa come la Scozia, dove miti e leggende si fondono con la storia, dove il confine tra sogno e realtà è così labile che non si sa dove inizi uno e finisca l’altro. E metti un nobile Highlander introverso, sarcastico e maledettamente affascinante nello stesso posto e con l’intenzione di rendere la vita difficile alla “rossa”… La storia ruota intorno alla leggenda della Fairy Flag, il drappo che protesse il clan dei MacLeods nei periodi più turbolenti della Storia. Complice l’erede di famiglia, Colin MacLeod, Adele vola in Scozia per risolvere l’inquietante mistero. Lì, scoprirà che la leggenda non solo è vera, ma perfino il drappo è conservato con gran cura all’interno del castello quando, invece, sarebbe dovuto ritornare nelle mani della fata che l’ha generato...

Se siete interessati, il libro è disponibile in formato digitale su Amazon.
 Complimenti Valentina!

Ad agosto la gara non si ferma, dunque, se avete una cover romantica da farci conoscere, postatela il lunedì, sul gruppo facebook di Leggo Rosa e in bocca al lupo!

domenica 29 luglio 2018

OLTRE NOI L'INFINITO di Jay Crownover


Il secondo volume della saga THE TATTOO di Jay Crownover è dedicato al personaggio di Jet, che avevamo già incontrato, insieme agli altri, nel precedente romanzo. Jet è un cantante di un gruppo di musica metal; circondato dalle donne, dotato di un talento non comune, il ragazzo, che passa da una groupie ad un'altra, per dimenticarsi di loro il mattino dopo, sembra aver voluto sempre vivere un passo indietro alle sue potenzialità, per colpa della sua situazione familiare incasinata.


Se Rule Archer aveva il difficile compito di dover essere il sopravvissuto, in una famiglia che avrebbe preferito a lui l'altro gemello, che pur conservava i suoi segreti in OLTRE LE REGOLE, qui Jet cerca di mediare tra un padre violento ed una madre debole, finendo per pagarne le conseguenze. 


L'attrazione tra Ayden e Jet, la coppia di innamorati del precedente volume, è apparsa evidente fin da OLTRE LE REGOLE, ma Jet se n'era tirato fuori, per la prima volta nella sua vita, reputando Ayden una brava ragazza a cui non avere nulla da offrire. Quel momento di debolezza era stata solo una breve parentesi nella vita di Ayden che è tutt'altro che la ragazza che Jet immagina.


Ayden è fuggita dalla vita miserabile e senza scrupoli che conduceva nella sua città d'origine, mettendo chilometri di distanza tra il suo passato e il suo futuro, grazie ad un professore che aveva creduto in lei e nelle sue capacità. Non vuole più saperne di storie sbagliate, dei raggiri di Asa, il fratello sbandato per il quale ha fatto più sacrifici di quelli umanamente immaginabili. Vuole una vita tranquilla, laurearsi, un fidanzato normale, anche noioso, che possa aiutarla a dimenticare tutto quello che ha vissuto. Peccato che l'attrazione per Jet sia quanto di più forte abbia sperimentato e il fatto che lui sia venuto a vivere con lei e Cora, dopo che Shaw è andata a vivere da Rule, complica soltanto le cose.


Jet ha cercato di tenere a distanza Ayden, non volendola coinvolgere nei suoi casini, ma quando una sera i due finiscono per cedere, dandosi una possibilità, scopriranno che il legame tra loro è molto più forte di quanto immaginato. Peccato che il passato ritorni prepotente nella loro vita.


Quando Jet finisce in prigione per aver difeso la madre dall'ennesimo attacco violento del padre, il suo dolore sarà assoluto, rendendosi conto che la donna si schiererà ancora una volta dalla parte sbagliata e a sostenerlo ci saranno solo i suoi amici, quella famiglia non di sangue che pian piano si è costruito, ma quando qualcuno farà irruzione nel suo studio di registrazione, distruggendo ogni cosa, sarà Ayden a temere che il suo passato sia arrivato a bussare per chiedergli di pagare il conto e a quel punto non sarà disposta a mettere a rischio la serenità dell'uomo che ha scoperto di amare.


La storia è carina, anche se in qualche modo ripropone gli stessi elementi del romanzo precedente. Certo mi rendo conto che siamo sempre nel ristretto cerchio del romance e che gli autori, sentendosi sicuri del pubblico raggiunto o del successo guadagnato, preferiscono non sperimentare, rimescolando ingredienti già testati, il che provoca una sensazione di già visto e vissuto. Per il resto, comunque, la storia è godibile, pur senza pretese.

Una canzone per te di Emily Pigozzi

 Di Emily Pigozzi amo la dolcezza che traspare dai suoi scritti e che permea la sua prosa, così, quando mi capita a tiro un suo romanzo so già che vivrò momenti di grande serenità e questo è, a mio parere, già un motivo valido per leggere i suoi libri.


Una canzone per te è l'ultima sua creatura ed è una storia particolare, di un amore sbocciato nell'adolescenza, sopravvissuto alla vita, che si ritrova, in un momento difficile per entrambi, scoprendo che forse non è mai finita.



Questa la trama:



Le note morbide della chitarra riempiono la sera tutto intorno a noi. I colori del tramonto, il profumo dell'erba fresca, la brezza leggera... è tutto così dolce, pieno di vita e di promesse di felicità. Sto ferma e lo assaporo, pensando che non c'è altro posto dove vorrei essere...


Sono passati sei anni e la vita di Iris è stata completamente stravolta. Prima la morte del padre e poi quella del nonno l'hanno resa adulta di colpo, costringendola a mettere da parte i sogni e a lavorare sodo per non perdere la tenuta di famiglia in Toscana. Le manca tutto della sua spensierata adolescenza, le manca soprattutto Enea, che se n'è andato per inseguire la sua carriera di musicista senza guardarsi indietro, lasciandole solo ricordi e una canzone.
Poi all'improvviso rieccolo Enea, il ragazzo della sua adolescenza, ma anche l'uomo affascinante e di successo che è diventato. E ha una nuova canzone per lei.
Che dire di questo romanzo? Romantico, sentito ed emozionante. La storia di Enea e Iris ti trasporta in un'altra dimensione, tra la Toscana e la Liguria, dove tutto sembra possibile e così, un ragazzo che tutti conoscono come il ragazzo di Iris, torna a casa, dopo la partecipazione a un reality che lo ha reso celebre da un giorno all'altro. Finalmente i sogni si realizzano. Tutto sembra prendere la piega giusta e quello che c'era prima sembra non più così indispensabile, fino a quando il giro rallenta e ci si accorge di aver ottenuto tanto, ma anche di aver perso in egual misura e forse quello che è venuto meno nel percorso è molto più importante di quello che si è conquistato. Così Enea torna a casa, ai suoi affetti e alla sua vecchia vita, per rendersi conto che nulla potrà essere come un tempo, ma forse, con impegno e dedizione, potrà recuperare le cose che contano veramente per lui e potrà finalmente riconquistare Iris, la donna della sua vita, la sua musa e quella che spera possa essere la madre dei suoi figli.
Per Iris il ritorno di Enea rappresenta come una finestra spalancata su qualcosa che non si è mai concluso veramente, ma è anche la speranza che forse il futuro potrà regalarle nuove gioie. Un romanzo pieno di sentimenti, bello, pulito, carico di valori e con delle ambientazioni favolose, che consiglio a tutti quelli che sono alla ricerca di una lettura piacevole, distensiva  e  rilassante.
Voto: ♥♥♥♥♥

sabato 21 luglio 2018

Sono sempre io di Jojo Mooyes

Ragazzi ce l'ho fatta, è finalmente arrivato tra le mie mani l'ultimo romanzo della serie dedicata a Louisa Clark, Sono sempre io di Jojo Moyes, e mi sono immersa nella lettura, per vivere con la nostra protagonista la sua avvenura in America!


Non lo avete ancora letto?
Vi lascio la trama:

Lou Clark sa tante cose... Ora che si è trasferita a New York e lavora per una coppia ricchissima e molto esigente che vive in un palazzo da favola nell'Upper East Side, sa quanti chilometri di distanza la separano da Sam, il suo amore rimasto a Londra.
Sa che Leonard Gopnik, il suo datore di lavoro, è una brava persona e che la sua giovane e bella moglie Agnes gli nasconde un segreto. Come assistente di Agnes, sa che deve assecondare i suoi capricci e i suoi umori alterni e trarre il massimo da ogni istante di questa esperienza che per lei è una vera e propria avventura. L'ambiente privilegiato che si ritrova a frequentare è infatti lontanissimo dal suo mondo e da ciò che ha conosciuto finora.
Quello che però Lou non sa è che sta per incontrare un uomo che metterà a soqquadro le sue poche certezze. Perché Josh le ricorda in modo impressionante una persona per lei fondamentale, come un richiamo irresistibile dal passato...
Non sa cosa fare, ma sa perfettamente che qualsiasi cosa decida cambierà per sempre la sua vita. E che per lei è arrivato il momento di scoprire chi è davvero Louisa Clark.
Dopo Io prima di te e Dopo di te, Jojo Moyes regala ai suoi lettori una storia meravigliosa e coinvolgente, caratterizzata da personaggi autentici e indimenticabili a cui è impossibile non affezionarsi e da una voce sincera ed empatica.

Finalmente tutto torna e si chiude il cerchio, con la nostra protagonista che trova la sua strada, riuscendo finalmente a capire che cosa vuole fare nella vita, proprio come le aveva chiesto Will.
Inutile girarci intorno, l'ho adorato! Ho pianto, ho riso, mi sono infuriata e mi sono commossa, così come doveva essere, nell'evolversi delle cose.
Non vi dirò nulla della storia, perché la dovete leggere, ma Lou riesce finalmente a trovare se stessa e come accade a tutti noi, a un certo punto della sua vita, decide di rischiare, perché in gioco c'è la sua felicità.

Che dirvi del romanzo? L'autrice è bravissima nel ricreare le atmosfere e nella descrizione degli stati d'animo, così come delle situazioni. Ho percepito il senso di spaesamento iniziale della nostra Lou, l'attaccamento al lavoro, la capacità di interagire con il mondo circostante, la paura di perdere Sam e il dolore per quello che la distanza acutizza.

Jojo Moyes è bravissima a ricreare un mondo, quello di Lou e con questo terzo volume, dopo "Io prima di te" e "Io dopo di te", conduce per mano la sua protagonista nel pieno della sua esistenza, permettendole di maturare e di crescere, esattamente come le aveva augurato Will, ma non più avvolta da quel dolore che era ancora così presente nel secondo volume della serie.
Se volete il mio parere, ho adorato questo romanzo e non era affatto scontato, perché di solito, i volumi successivi al primo, non sono mai all'altezza e invece questo lo è. Certo, manca un personaggio carismatico come Will, ma se avete amato Lou, allora sarete felici di seguirla nel suo percorso di vita, gioendo e soffrendo con lei, fino all'ultima pagina, quando finalmente tutto sembra destinanto a proseguire per il verso giusto.
Forse non faranno mai un film di questo terzo volume, ma a me è sembrato di vedere le immagini scorrere davanti ai miei occhi e il merito è tutto dell'autrice.
In sintesi vi dirò: ottima caratterizzazione dei personaggi, buona trama, perfetta mescolanza di diversi elementi (nostalgia, amore, tristezza, entusiasmo, speranza, dolore, prospettiva) e pieno coinvolgimento del lettore.
Voto: ♥♥♥♥♥

domenica 15 luglio 2018

OLTRE LE REGOLE di Jay Crownover



Dopo aver letto i romanzi conclusivi della saga, mi era rimasta una certa curiosità per tutti quelli che comparivano come personaggi minori del racconto, primi fra tutti l'insolita coppia di Rule e Shaw che si erano sposati e aspettavano un bambino. Non che la Crownover dia loro un giusto spazio nei romanzi successivi, in quando la sua caratteristica (non tra quelle che preferisco) è quella di creare uno sfondo piuttosto nebuloso per quanto riguarda la personalità dei vari personaggi, che si distinguono solo per tatuaggi diversi o una pettinatura con la riga a destra o a sinistra, ma una flebile curiosità per capire come tutto avesse inizio, mi era rimasta.


Tra tutti i romanzi della saga, onestamente questo è il migliore, quello più genuino che le ha portato il successo che poi ha determinato tutti gli altri racconti. Rule è un ragazzo all'apparenza sregolato e ribelle. Lavora come tatuatore in un noto salone della città, Marked, insieme ad altri ragazzi. Aveva un gemello, Remy, morto tre anni prima, in un incidente stradale. Lui era il preferito della famiglia, che non è mai riuscita a superare la sua morte, riversando tutto il dolore nel respingere Rule e il suo modo di vivere. 


A fare da paciere tra i due blocchi, da sempre c'è stata Shaw, una ragazza dolce, proveniente da una famiglia piuttosto benestante, che pur non l'ha mai amata sinceramente, e che era la fidanzata di Remy. I genitori di Rule adorano Shaw, ricambiati, e la ragazza, che si è legata profondamente a questa famiglia, sentendosi sempre respinta dalla propria, farebbe di tutto perché i rapporti, tesissimi, tra Rule e i suoi genitori si distendessero, anche andarlo a prendere, ogni domenica mattina, per trascinarlo dai suoi per il brunch domenicale.


In realtà Shaw non è mai stata la fidanzata di Remy, che ha sempre voluto bene come ad un amico, ma ha dato il suo cuore completamente a Rule, fin da quando aveva quattordici anni, anche se lui non l'ha mai presa in considerazione, ritenendola la fidanzata del fratello.


Dopo l'ennesima lite, Rule decide di troncare con la famiglia e Shaw, per mettersi il cuore in pace, decide di scacciarlo dalla sua mente, ma il giorno del suo compleanno, completamente ubriaca, dopo una giornata passata tra amiche, finalmente libera dalle pose che la famiglia benestante le ha sempre imposto, finisce tra le braccia di Rule che scopre una Shaw completamente diversa dalla ragazza che credeva, ma soprattutto si rende conto che tutto quello che sapeva su di lei era diverso dalla realtà.


Intanto l'ex fidanzato di Shaw, l'uomo che la famiglia di lei vorrebbe che continuasse a frequentare, non si rassegna alla fine della loro relazione, ma soprattutto non tollera che lei possa averlo sostituito con quello che reputa uno sfigato come Rule, ed è pronto a tutto pur di fargliela pagare.


A differenza degli altri romanzi della serie che ho letto, questo primo volume sembra presentare tutti gli elementi giusti per creare un buon romance, pur non originale. Le tensioni familiari, il dramma di una morte che ha sconvolto un fragile equilibrio, un amore passionale che deve lottare contro i pregiudizi, l'azione che non permette alle vicende di stagnarsi in un racconto solo di incontri tra le lenzuola. 


Si affacciano personaggi interessanti, come Cora e Rome, il fratello che si è arruolato nell'esercito e che, dopo la scoperta del segreto di Remy, decide di ripartire per la guerra, deluso del mondo in cui la famiglia ha trattato, ma che tornerà successivamente nell'arco della storia.


Al momento, di tutti i volumi letti di questa serie, OLTRE LE REGOLE è quello migliore, che merita di essere letto.

lunedì 9 luglio 2018

Una canzone per te di Emily Pigozzi

Ci siamo occupati spesso di Emily Pigozzi, autrice di romanzi contemporanei con una vena dolce che permea la sua prosa.
Bene, è uscito di recente un altro dei suoi lavori, Una canzone per te, questa volta, con la casa editrice Harper Collins e noi ve lo presentiamo molto volentieri, così, se ve lo siete persi, lo potrete recuperare.



Le note morbide della chitarra riempiono la sera tutto intorno a noi. I colori del tramonto, il profumo dell'erba fresca, la brezza leggera... è tutto così dolce, pieno di vita e di promesse di felicità. Sto ferma e lo assaporo, pensando che non c'è altro posto dove vorrei essere...
Sono passati sei anni e la vita di Iris è stata completamente stravolta. Prima la morte del padre e poi quella del nonno l'hanno resa adulta di colpo, costringendola a mettere da parte i sogni e a lavorare sodo per non perdere la tenuta di famiglia in Toscana. Le manca tutto della sua spensierata adolescenza, le manca soprattutto Enea, che se n'è andato per inseguire la sua carriera di musicista senza guardarsi indietro, lasciandole solo ricordi e una canzone.
Poi all'improvviso rieccolo Enea, il ragazzo della sua adolescenza, ma anche l'uomo affascinante e di successo che è diventato. E ha una nuova canzone per lei.
 Ecco altri dati del romanzo:
TITOLO: Una canzone per te
AUTORE: Emily Pigozzi
EDITORE: Harper Collins Italia (E-lit)
GENERE: Romance contemporaneo
NUMERO PAGINE: 198
LINK ACQUISTO: DISPONIBILE IN: ebook
AMBIENTAZIONE: Italia - Toscana
POV: alternati
DATA DI USCITA: 29 giugno 2018 
LINK DI ACQUISTO:
https://www.amazon.it/dp/B07DTCLC2V

Estratto romanzo:


«Mi è sempre piaciuto vederti in giro per la tua terra. I tuoi capelli hanno lo stesso colore del sole d'estate. Sembrano vivi.»
Mi volto di scatto, trasalendo. Enea è lì, sul vialetto che porta dalla casa alla collina, stagliato fra gli alberi e il sole brillante. Anche i suoi capelli, ancora più chiari dei miei, risplendono di mille sfumature sotto la luce del sole. Il sorriso, sotto la
barba sempre incolta ma in modo meno studiato di un paio di giorni fa, è luminoso e sincero. Pieno di aspettativa. Tiene le mani nelle tasche dei pantaloni sportivi color kaki, e indossa una maglietta verde militare che mette in evidenza il suo fisico magro e scattante. È ancora più bello di come lo ricordo: questo è il pensiero che mi sfugge mio malgrado dalla mente, senza che possa controllarla. Nonostante l'abbia già incontrato, trovarmelo davanti è sempre come rivedere un fantasma: Enea, qui, in casa mia, è una visione che mai avrei pensato di dover riconsiderare.
E dire che una volta questa era la normalità. Le immagini di noi due mi passano accanto come in un film in alta definizione: bambini, adolescenti, adulti. E poi basta, come uno strappo netto. Qualcuno che prende il volo e l'altro che resta a osservarlo, prigioniero di un nido non più ospitale.
«Che ci fai qui?» sbotto con rabbia, cercando di non guardarlo. È bellissimo, più che mai, e ho il terrore che mi legga in faccia tutto quello che penso.
«Sono venuto a salutarti come si deve. Avevo voglia di rivedere casa tua.»
«Ma guarda un po'. Un desiderio che deve averti tormentato in tutti questi anni» lo canzono secca.
Sarà l'ironia che mi salverà.
O forse è solo l'unico scampolo di razionalità al quale posso aggrapparmi.
«Che tu possa crederci o meno ci ho pensato spesso, specie ultimamente» ribatte Enea,   con   un   sorriso   tenero,   fissando   la   bella   facciata   del   nostro   casale.   «Ho... abbiamo dei ricordi meravigliosi qui. I più belli della mia vita.»
«Già. Scommetto che ti struggevi in lacrime pensando alla mia casa mentre suonavi in quegli stadi gremiti.»     
E pensando a me, vorrei aggiungere, mentre mi mordo la lingua.
«Iris, non ne hai idea, davvero» mormora, fissandomi negli occhi con un'intensità tale da farmi vacillare. «So che noi non ci siamo più sentiti, che non ti ho più cercata.
Ma ci sono tante cose che vorrei dirti. Quando avrai voglia di ascoltarmi...»
«Mmh, vediamo. Mai, suppongo» affermo stizzita, superandolo e avviandomi verso l'ingresso di casa.
«Sisi...»
«Non chiamarmi Sisi! Lo odio quel soprannome!» rispondo rabbiosa, voltandomi di scatto come una leonessa ferita.
«Buffo. Lo odi solo tu. Tutti hanno amato la tua canzone» replica con dolcezza.
«Mettiamola   così,   allora.   Ogni   volta   che   sento   quel   brano   mi   viene   voglia   di picchiare qualcuno. Te, in modo particolare.»
«Ma bene. Vuol dire che non ti sono indifferente, allora» ribatte con fare ostinato, gli occhi che brillano e una magnifica espressione da schiaffi.
 


Per chi non conoscesse Emily Pigozzi:


Emily Pigozzi scrive da sempre. Parla troppo e legge altrettanto, adora i dolci e la quiete della notte. Per diversi anni ha lavorato come attrice, prendendo parte a cortometraggi e film e partecipando a tournée che hanno toccato i maggiori teatri d’Italia.
Vive a Mantova con il marito e due figli piccoli, un maschio e una femmina.
Ha esordito nel rosa con “L’angelo del risveglio” (Delos digital) a cui è seguito “Il posto del mio cuore”, un rosa di formazione, uscito a fine 2015 per la 0111 edizioni.
Nel 2016 ha invece pubblicato “Aspettami davanti al mare” e “Danza per me”, entrambi per la collana Youfeel di Rizzoli. Nel 2017 escono “Un piccolo infinito addio” e “Il mio vento di primavera”, quest’ultimo edito da Emma Books. Nel 2018 il suo romantic suspense
“Magnifico assedio” è stato per diverse settimane ai primi posti della classifica bestseller di Amazon. 




domenica 8 luglio 2018

Intervista a Elena Lombardi

Buongiorno, amiche di Leggo Rosa!
Eccoci nuovamente insieme per chiacchierare, questa volta, con Elena Lombardi, autrice di Altrove al centro del mare e di Sorpresi dal destino.




Chi sei nella vita di tutti i giorni?
Una lettrice accanita e una gran sognatrice.

Scrivi rosa, perché?
Perché amo il rosa, amo sognare e amo l'amore.

Italia, Inghilterra, America... Dove sono ambientate le tue storie?
Una in Italia, Abruzzo. L'altra a Sydney, Australia.




Chi non deve leggere i tuoi romanzi? A chi potrebbero non piacere?
Chi non è più in grado di sognare e non crede più nell'amore con la A maiuscola. Potrebbero trovare il romanzo troppo mieloso, anche se non è solo questo!

Cosa non troviamo nei tuoi libri?
Scene troppo spinte.

Quale genere non scriveresti mai e perché?
Thriller ed erotici. Non credo di essere capace.

I tuoi libri in uno spot...
Lei gli dirà addio per sempre. Lui imparerà ad odiarla con la stessa intensità. Un passato incancellabile, un amore che nessuno è riuscito a distruggere, un futuro incerto che li farà sentire entrambi "Altrove al centro del mare". Questo e molto di più nel mio ultimo romanzo...

Diamo qualche dritta al lettore... Che cosa non manca mai nei tuoi romanzi? Amore, sesso, romanticismo, famiglia, bad boy...
Amore e romanticismo al primo posto. Poi la famiglia e un po' di sana suspance!




I tuoi protagonisti hanno caratteristiche comuni o sono tutti diversi?
I miei protagonisti maschili sono entrambi testardi, un po' stronzi all'inizio e tanto arrabbiati! Poi però mostrano sempre il loro lato migliore! Flavio è più rozzo e diffidente, Raul è ferito e profondamente deluso. Le mie lady invece sono diverse. Maddy è una combattente istintiva, Sophie una donna fragile che ha sofferto molto...

Quanto di te c'è nei tuoi romanzi?
Tanto anche se cerco di essere uno, nessuno, centomila....

Scrivi storici o contemporanei? Ti cimenteresti nel tuo opposto?
Contemporanei ma nella vita non escludo mai niente!




Puoi consigliare il libro di una collega. Quale scegli e perché dovremmo leggerlo?

"Vorrei che tu fossi felice" di Arianna Di Giorgio perché è una storia dolcissima, a tratti triste ma ho amato molto il mio Lorenzo! Storia da leggere assolutamente.

Puoi segnalare solo uno dei tuoi libri. Quale scegli e perché?

Scelgo "Altrove al centro del mare" perché è una storia intensa che ha emozionato me per prima!





A chi o a cosa ti ispiri per le tue storie?

A tutto o a niente! L'ispirazione può nascere in ogni momento e in qualunque situazione...

Se vi abbiamo incuriosito almeno un pochino, martedì pomeriggio, Elena sarà con noi sul gruppo Leggo Rosa, per parlarci più approfonditamente dei suoi lavori e magari rispondere alle nostre domande.

OLTRE LE LEGGI DELL'ATTRAZIONE di Jay Crownover


L'ultimo romanzo della raccolta di Jay Crownover, comprata quest'estate in un'edicola del mio paese, è OLTRE LE LEGGI DELL'ATTRAZIONE, dedicato alla storia d'amore tra Asa, il fascinoso fratello di Ayden, e la bella poliziotta, Royal Husting che si era già fatta notare per la sua avvenenza e per aver arrestato Asa nel corso di un indagine. Le premesse per la storia c'erano tutte ed ero curiosa di vedere come l'autrice avrebbe portato avanti le vicende. 


Il mio problema con la Crownover è che spesso le aspettative vengono rispettate solo in modo parziale, perché gli elementi per rendere le vicende di Asa e di Royal interessanti c'erano tutti: lui dal passato pericoloso, lei attratta da lui, ma consapevole del rischio, la famosa madre che si rivela poi l'elemento di separazione tra i due. Eppure nella risoluzione delle vicende, alla fine, come negli altri romanzi, qualcosa viene meno e il risultato non è quello che avrebbe potuto essere.  


Non voglio tanto soffermarmi sui problemi di editing e sull'improbabile traduzione, in quanto non sono una purista e non reputo che queste pecche possano essere attribuite all'autrice, ma piuttosto alle scelte della casa editrice, ma innegabilmente nella parte finale, quando Royal viene respinta da Asa e poi cerca di capirne la ragione e di riconquistarlo, la storia perde mordente e senso narrativo, lasciando fili sciolti e non presentandoci quella svolta fondamentale che, in qualsiasi romanzo che si rispetti, ci riporta i personaggi nuovamente vicino. È nella costruzione della trama, che la Crownover a mio parere pecca sul finale, pur avendola portato avanti in modo interessante.


Asa ha alle spalle un passato tormentato, di cui ormai sembra essersi pentito, pur temendo che la sua natura da truffatore possa prima o poi tornare ad emergere. Conduce una vita con un basso profilo, ma in realtà scopre che la vita del bar è proprio quello che gli piace e in cui riesce bene, senza sotterfugi o inganni.


Royal sta attraversando un momento di profonda crisi, dopo un'azione di polizia in cui è finito ferito il suo compagno e amico di sempre, Dom, che ha rischiato la vita per una mancanza di prontezza da parte sua. Sospesa dalla polizia, la ragazza attende il verdetto e lotta contro il senso di colpa. Presa da un vortice di autodistruzione, cerca di sedurre in tutti i modi Asa, da cui si sente attratta, ma lui la respinge, sapendo che sarebbe una pessima idea mettersi con lei, perché reputa che sia una brava ragazza e che lui, invece, porterà sicuramente guai e dolore. 


Questo è un altro elemento debole della Crownover, a mio parere. Anche se il passato di Asa è oggettivamente pesante, a differenza di molti altri suoi personaggi, quest'annuncio di catastrofe e di tragedia, che poi si concretizzerebbe, secondo la sua idea, nella separazione provocata dalla scoperta di Asa dell'identità della madre, si sarebbe facilmente risolta, senza grandi problemi, parlando con Royal, che è consapevole che la madre è una donna che ci prova continuamente con i ragazzi più piccoli di lei.


Anche se Asa poteva essere stato gentile con la cliente che aveva mostrato interesse nei suoi confronti, alla fine si era limitato a mantenere le distanze, anche se lei si era sentita in diritto di offrirgli dei soldi, facendolo sentire a disagio e rievocandogli il suo passato. Tutto il dolore e la tragedia, nata dal suo desiderio di mantenere le distanze con Royal, non mi sembrano ben motivate dalla trama stessa.


Per il resto, i personaggi sono interessanti, anche se spesso solo abbozzati, come è tipico dello stile di quest'autrice che decisamente non mi convince. Gli elementi del racconto però sono quelli che fanno presa: il cattivo ragazzo con un passato difficile alle spalle, la poliziotta sexy, ma brava ragazza, che cerca di conquistarlo, una trama esile, ma che si mantiene almeno fino alla fine. Non tra i migliori della saga TATTOO che ho letto finora. È probabile che cercherò di recuperare le storie degli altri personaggi per avere un'idea completa della serie. Al momento il mio giudizio è sufficiente.