Translate

domenica 17 settembre 2017

Trent'anni e li dimostro di Amabile Giusti

E' il primo romanzo di Amabile Giusti che leggo e devo dire che mi è piaciuto.

Lo stile è brioso e divertente. La storia non è molto originale (la solita amica, coinquilina innamorata del suo amico figaccione e sciupafemmine), ma prende.
Il personaggio di Carlotta è simpatico e senza peli sulla lingua. Si considera bruttina e molto sfigata, ma la vita le insegnerà che non è proprio così.



Per motivi economici è costretta a fittare una stanza del suo appartamento e a chiederle asilo non è una sua collega o un amica, ma un giovane e bellissimo scrittore, che ha un solo motto: "Mai con la stessa donna".


Luca cambia quotidianamente compagna e Carlotta si è quasi abituata a quel continuo andare e venire, se non fosse per quella cotta latente che cova infondo al suo cuore.


Carlotta ha quasi trent'anni, e si considera una sfigata cronica: raggiunge il metro e sessanta solo con i tacchi a spillo, ha una famiglia decisamente folle e all'orizzonte non vede l'ombra di un fidanzato come si deve. Non solo: è appena stata licenziata a causa della sua irrefrenabile schiettezza... ma ora, per arrivare a fine mese, è costretta ad affittare una stanza del suo appartamento. Luca, il nuovo inquilino, ha molti prò (è bellissimo, fa lo scrittore, è dannatamente simpatico) ma altrettanti contro: è disordinato, fuma troppo e ha il pessimo vizio di portarsi a casa le sue conquiste, una diversa ogni notte. Carlotta non chiude occhio e in più si sente una vera schifezza. Non lo ammetterebbe mai, ma quel maschio predatore che tratta le donne come kleenex e gioca sul fascino tenebroso del romanziere la sta facendo innamorare. In una girandola di eventi sempre più buffi, tra una madre terribile, una sorella bellissima e gelosa, una tribù di parenti fuori controllo, un nuovo lavoro tutto da inventare e molti incontri ravvicinati con Luca e le sue fidanzatine di passaggio, Carlotta imparerà che è lei la prima a dover credere in se stessa...


Della storia, che ho letto in versione self, mi è piaciuto molto il personaggio di Luca, il modo in cui scopre di essere innamorato di Carlotta. Gli elementi emergono progressivamente, caratterizzando il personaggio, fino a quando non comprende che oramai non c'è rimedio. E' caduto nella trappola di Cupido suo malgrado. A salvarlo è il fatto che la sua Carlotta non è affatto come le altre e dunque ci sarà da divertirsi e a dire il verso si diverte anche il lettore.
Dunque, che altro dirvi? Consigliatissimo. Se vi capita tra le mani, non lasciatevelo sfuggire.

2 commenti:

  1. Ciao! Sinceramente ho sentito pareri davvero contrastanti su questo romanzo... magari mi chiarirò le idee leggendolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia. Sì, il modo migliore per chiarirsi le idee su un romanzo è leggerlo. A me non è spiauto.

      Elimina