Translate

martedì 19 luglio 2016

Book Tag: caffé freddo e gelato

Buongiorno amiche di Leggo Rosa! Benvenute nel nostro salotto! Cosa vi posso offrire? Un caffé freddo? Preferite un gelato?

Nell'attesa di conoscere la vostra scelta, ci sistemiamo in terrazza e cominciamo la nostra chiacchierata, ringraziando innanzitutto Sara Minti Mantero del blog Panico da recensione, per averci coinvolto nel suo Book Tag.


 Diamo un rapido sguardo alle domande proposteci e mettiamoci subito al lavoro.

 Hai mai faticato ad approcciarti a un libro famoso che tutti hanno adorato?

Sì, mi è capitato di provare fastidio e anche delusione nel leggere un libro molto apprezzato. E' successo almento un paio di volte con Lo strano caso dell' apprendista libraia di Meyler Deborah e ancora con Storia di una ladra di libri di Zusak Markus.
Nel primo caso l'ho letto fino alla fine, portando con me domande a cui spero di ricevere risposta, prima o poi. Nel secondo caso, invece, ho letto solo le prime pagine e non sono riuscita ad andare avanti... Forse era il momento, forse era l'aspettativa... Non saprei dirlo, ma è uno dei pochi libri che non ho finito di leggere...


Quale autore poco conosciuto consiglieresti di leggere?

 Vi proporrei di leggere un mio romanzo... Non appena l'avrò finito! Purtroppo non riesco ad essere mai soddisfatta dei risultati ottenuti e sono decenni che non rimetto mano ad un mio libro...


A parte gli scherzi, non vorrei sciupare questa occasione senza citare due scrittrici che a mio modesto parere meritano di essere lette:  Simona Frio con L'amore ti ha trovato e Emily Pigozzi con Aspettami davanti al mare


In verità, non so se si possono definire poco conosciute, perché sono sul mercato da tempo, ma direi che sicuramente mi incuriosiscono molto.


Esiste un libro che hai comprato solo per la sua copertina?

Confesso che la grafica ha un certo potere su di me e ne subisco indubbiamente il fascino, ma non è decisiva nell'acquisto. Mi influenza, questo sicuramente. Ad esempio ho adorato la copertina del libro di  Ornella Albanese La cacciatrice di storie.

 E mi sono lasciata incuriosire da quella di Tu mi appartieni di Cecile Bertod.



Nel primo caso, però, ha influito anche la trama, che mi sembrava interessante, mentre per il testo della Bertod, è stata decisiva la consapevolezza che Cecile può scrivere ciò che vuole. 



Insomma, mi piace il suo stile. Me ne sono innamorata con Non mi piaci, ma ti amo e ho voluto svincolarmi dall'influenza delle recensioni, scegliendo un testo di cui sapevo poco, per confermare o meno la mia personale opinione su di lei. E mi sono imbattuta in un erotico. Genere che in linea di massima non amo, insieme al sado maso, ma non mi pongo limiti...

Un libro che non hai alcuna intenzione di leggere?

A questo punto dovrei rispondere “Cinquanta sfumature di grigio”, ma non sarei sincera, perchè è un libro che mi incuriosisce anche se fonti accreditate mi dicono che è decisamente sopravvalutato... Forse non leggerei mai un libro di fantascienza, perchè sono per la storia e meno per il futuro, ma non escludo nemmeno questo. A me piacciono i bei libri, quelli che mi trasmettono qualcosa e dunque lascio le porte aperte a tutto ciò che può catturare la mia attenzione...

Hai mai saltando alcune pagine o lunghe descrizioni di un libro? 

Oggi ci diamo alle grandi confessioni! Sì l'ho fatto e credo che lo farò ancora, quando in un romanzo che funziona l'autore si butta a capofitto nella descrizione accurata e minuziosa di cose che non capisco, perchè mi mancano le basi e che dimenticherei un secondo dopo averle lette... Penso dipenda dal tipo di formazione che ho alle spalle.


 Potrei leggere pagine e pagine di psicologia, ma capirei ben poco di come funziona una macchina. Non per questo, però, rinuncerei a leggere un buon libro e dunque, sperando che nessuno si offenda, salto, ma non rinuncio alla storia. 


Qual è il tuo libro preferito per bambini?

Questa è facile: Piccole Donne della Alcott! L'ho adorato e ancora oggi lo rileggerei molto volentieri. 

 
 Un libro o una serie che sai che rileggerai prossimamente?

 Adoro i libri di Lisa Kleypas, per la sua capacità di farti entrare in un mondo ... Quando ne leggi uno sei poi tentata di seguire tutti gli altri personaggi, con la speranza di ritrovare anche quelli che hai salutato e anche se lo hai letto, lo rileggi volentieri. 



Qual’è il posto più strano dove hai letto?

Per strada, rientrando a casa a piedi. Lungo il percorso, salendo e scendendo marciapiedi, driplando pali della luce!


Un libro che ti piacerebbe leggere sotto le stelle? 

Tutti i romanzi rosa si adattano ad una lettura sotto le stelle ... 


Quindi, rispondo, con quello che sto leggendo adesso: Un libertino dal cuore di ghiaccio di Lisa Kleypas!

Cosa ti piace mangiare leggendo?

Di solito accompagno la lettura con bevande calde e biscotti d'inverno e gelato e caffè d'estate. La combinazione è micidiale, ma è così rilassante che mi dimentico del mondo!

Sono finite le domande? Sì, mi pare di sì. Allora, ringraziando ancora una volta Sara, vi lascio alle vostre letture, sperando che i nostri suggerimenti vi siano d'aiuto!  
 

7 commenti:

  1. Grazie cara per aver partecipato!

    RispondiElimina
  2. Ciao, sono nuova nel tuo blog, e mi sono unita ai tuoi lettori!
    Belle risposte :)

    Ti aspetto nel mio blog se ti va Lettrice di Libri

    RispondiElimina
  3. Ciao Lettrice di Libri, grazie per il tuo messaggio e per esserti unita a noi! Certo che passerò a trovarti! A presto!

    RispondiElimina
  4. Ciao cara! Sono l'admin di Un profondo oceano di libri. Ti ho nominata per la nomination "Liebster awards"
    Sul mio blog tutte le informazioni. non vedo l'ora di leggere le tue risposte! ^^ http://unprofondooceanodilibri.blogspot.it/

    RispondiElimina
  5. Anche io da bambina amavo "Piccole donne", tra l'altro è stato anche uno dei primi romanzi che mi hanno regalato!

    RispondiElimina
  6. Ciao Carmela! Piccole donne è un classico senza tempo, che racconta un mondo! Bellissimo!!!

    RispondiElimina