Translate

venerdì 1 luglio 2016

Memorie di una geisha di Arthur Golden




Oggi vi vorrei parlare di un romanzo che ho amato molto, Memorie di una geisha di Arthur Golden.

A sollecitare la mia curiosità fu il trailer.


Seguì la visione della pellicola e da lì mi decisi ad acquistare il libro. Era il 2006 e non l'ho più dimenticato.
Il mondo orientale con le sue regole, con i suoi ritmi, con le sue abitudini e poi la storia di Sayuri e del suo Presidente hanno lasciato in me un segno.
Sayuri dovrà affrontare situzioni molto più grandi di lei e troppe volte le scelte le saranno imposte dall'alto, ma accanto a lei ci sarà sempre la figura di quell'uomo elegante e distinto, che avvicinandosi un giorno sul ponte del fiume, le regalò un tocco di gentilezza che rapì il suo cuore per sempre.
Con Sayuri conosciamo un mondo affascinante e per nulla semplice, ma riscopriamo anche come l'amore fisico possa essere un complemento dell'anima.
Sayuri, grazie alla sua sorella maggiore, Mameha, imparerà a catturare l'attenzione di qualsiasi uomo, con lo sguardo, ma i suoi occhi saranno sempre fermi su una sola persona, l'unica che ha amato fin dal primo giorno che lo ha incontrato.

Immaginiamo che io vi dica: 

«Il pomeriggio in cui incontrai quell'uomo… fu il più bello della mia vita, e anche il più brutto». Sono convinta che replichereste: «Be’, com'è possibile? Era il più bello o il più brutto? Una cosa esclude l'altra!». La verità è che il pomeriggio in cui incontrai il signor Tanaka Ichiro fu al tempo stesso il migliore e il peggiore della mia vita. Se non l'avessi conosciuto, sono sicura che non avrei mai fatto la geisha. 


Ed è per avvicinarsi al suo mondo, che Sayuri accetta il suo destino e si avvia alla lunga e difficile formazione per diventare geisha.
Dentro di lei sa che finirà per incontrarlo nuovamente e quando ciò accade è come se il tempo si fermasse.


Di colpo su ogni cosa attorno a me sembrò calare una silenziosa immobilità, come se lui fosse il vento che soffia e io semplicemente nuvola sospinta nel cielo.


Ma le circostanze, la guerra (il romanzo inizia nel 1936 e attraversa più di un ventennio) e la necessità di salvarsi la spingono tra le braccia di altri uomini e tra questi un ruolo centrale spetta ad una persona molto vicina al Presidente, che sembra compromettere per sempre il sogno di Sayuri. 
Ha forse malinterpretato i segni del destino? Non è lui l'uomo della sua vita? Dalla prima volta che si sono incontrati sono trascorsi diversi anni. Sayuri è oramai una giovane donna ed è una geisha molto contesa ed apprezzata. Ha anche trovato un danna. Conseguire danna per una geisha è un traguardo importante, perché le consente di avere una costante protezione e delle entrate sicure. In cambio, non dovrà concedersi ad altro uomo.
Nonostante ciò, con lo scoppio della guerra, le cose si mettono male per tutti e anche per lei. Deve lasciare Gion e trovare un posto sicuro, ma il suo protettore le dice di non poter fare nulla per lei. Potrebbe rivolgersi al Presidente, ma è diverso tempo che a lei si interessa  Nobu - san, amico e socio  di Tanaka Ichiro, l'unico uomo di cui è sempre stata innamora e Sayuri sa che tutti si aspettano che presto lui  diventi il suo nuovo danna.

 Qualche volta dovresti forse guardarti allo specchio, Sayuri. Soprattutto quando i tuoi occhi sono bagnati di lacrime, perché diventano... Non so spiegartelo. E' come se fosse possibile vedere attraverso di essi. Sai, passo buona parte del mio tempo seduto di fronte a uomini che quasi mai mi dicono la verità; ed ecco ad un tratto incontro una ragazza che, pur non avendomi mai visto prima di allora,  è disposta a lasciarsi scrutare direttamente nell'animo.»


Nobu è un uomo intelligente e molto stimato e Sayuri dovrebbe sentirsi lusingata dalle sue attenzioni, ma dentro di lei sa che nonostante gli debba tanto, anche la salvezza e la sopravvivenza durante la guerra, non potrà mai accettare di diventare la sua donna, perchè questo la allontanerebbe definitivamente dal suo Presidente.
E così, nonostante gli anni passiono e tutte le cose sembrino non volerla condurre a quello che lei è certa sia il suo destino, Sayuri gioca la sua ultima carta.
Sa che farà del male ad un uomo buono, che non si merita il suo tradimento, ma l'alternativa è vivere agiatamente privandosi della speranza di conseguire l'amore del Presidente. E' un gesto disperato, che potrebbe ritorcersi contro, ma non le importa più di tanto. Dopo l'allontanamento dalla sua famiglia di origine, non ha avuto altra speranza, che quella di raggiungere lui. Così agisce, sperando che con il suo atteggiamento avventato allontani per sempre Nobu -san da lei.
A volte il destino ha bisogno di una spinta, almeno così crede lei, ma quando sulla soglia della porta del suo inganno appare il Presidente, Sayuri vorrebbe sparire. 
Tutti i suoi sforzi, dunque, non sono serviti a nulla? Cosa penserà ora lui di lei? Che si è concessa deliberatamente ad un altro uomo, apparentemente per puro piacere, sapendo che Nobu non la perdonerà mai?
La paura di assecondare le trame del destino, le hanno fatto dimenticare, che le cose non accadono mai casualmente e così giunge il momento per Sayuri di scoprire che l'uomo che diciotto anni prima le aveva acquistato un gelato e le aveva regalato il suo fazzoletto per asciguarsi le lacrime, non l'aveva mai dimenticata e doveva a lui la formazione ed il sostentamento per diventare geisha. In tutti quegli anni non l'aveva mai persa di vista, ma anzi,  aveva guidando i passi delle persone amiche, che Sayuri, nei momenti difficili della sua esistenza, si era ritrovata al suo fianco.
Il destino tanto atteso si stava compiendo e per la prima volta nella sua vita Sayuri sperimentava l'amore, quello vero.


4 commenti:

  1. Questo libro mi ha sempre incuriosita ma non l'ho mai letto.. Dovrò rimediare il prima possibile ;)

    RispondiElimina
  2. Ciao Mirta. Non lasciartelo sfuggire, è bellissimo!

    RispondiElimina
  3. Ho visto solo il film, che mi è piaciuto. Dopo la tua recensione, sono convinta che lo leggerò.

    RispondiElimina
  4. Ciao Monia, leggilo e facci sapere. È una storia particolare che sicuramente merita.

    RispondiElimina